AUTOGESTIONE SPAL, GIUSTO UNA PARTITELLA A RANGHI RIDOTTI IN UN CLIMA SURREALE E POI TUTTI A CASA

Un velo di tristezza avvolge i campi sportivi del Centro di Via Copparo. Scene già viste, ma forse a questi livelli non ci si era davvero mai arrivati. Attorno alle 14.30 nel parcheggio già stracolmo di macchine il clima era incandescente per via del divieto per la stampa di avvicinarsi alla zona degli spogliatoi, fatto rispettare con zelo fin troppo esuberante da Mauro Benasciutti, professione accompagnatore della squadra e fratello del patron biancazzurro oggi assente.
Passiamo ai fatti. Mentre nei campi tre e quattro la Juniores e le altre giovanili svolgevano il loro classico e sereno allenamento, il clima per la prima squadra era sicuramente diverso. Giocatori e staff tecnico sono rimasti per circa un’ora e quaranta minuti a colloquio con Matteo Mazzoni, presidente del Consorzio Spal nel Cuore che al termine se n’è andato senza rilasciare alcuna dichiarazione. Al contrario, i pilastri dello spogliatoio biancazzurro Marchini, Braiati, Nodari, Cubillos e mister David Sassarini hanno parlato, denunciando ancora una volta la drammatica situazione che sta vivendo lo spogliatoio. I cinque, con al loro fianco il presidente Roberto Ranzani hanno improvvisato una conferenza nell’ufficio del Centro riservato allo stesso presidente. Qui la registrazione integrale: http://www.lospallino.com/la-telecamera-negli-spogliatoi/item/4323

Al termine della conferenza è andato in scena il primo dei tanti allenamenti “amatoriali” che vedremo con tutta probabilità da qui a fine stagione: un breve riscaldamento e partitella su metà campo diretta dall’allenatore dei portieri Nista, alla quale hanno partecipato: Gallo, Canalicchio, Massaccesi, Marongiu, Viali, Cucurnia, Fiorini, Sartori, Rosati, Rizzo, Del Mastio e Shqypi. Nel finale si è unito anche Alex Nodari. Durante la partitella David Sassarini è sceso in campo solamente per dirigersi verso i circa venti tifosi che hanno occupato la tribunetta raccontando loro le ultime pessime novità con aria allucinata. Il mister non ha escluso che alcuni giocatori possano scegliere di non presentarsi in settimana in via Copparo e presentarsi solo alla domenica in occasione delle partite. 

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0