ULTIMA MATTINATA DI ALLENAMENTI AL CENTRO: UN’ORA A RANGHI RIDOTTI, DOMANI LA PARTENZA

Se è vero che il sole bacia i belli, allora la S.P.A.L. è una stupenda dama: si è tolta il velo davanti alla Ovest lunedì, ora si sta rifacendo il trucco mettendo in campo quelle promesse che sono uscite dalle bocche di Mattioli e Colombarini nel cuore del Paolo Mazza. L’impegno c’è già tutto e pure il coraggio, perchè per correre ininterrottamente sul prato del Campo 1 di via Copparo con un caldo del genere ci vuole veramente fegato. A dirigere le operazioni, il vice di Leo Rossi, Stefano Baldoni, armato di cartellina – sulla quale segnare i tempi dei giocatori – e fischietto, il suono che la fa da padrone in questi primi giorni a tinte biancazzurre. S.P.A.L. divisa in ristretti gruppetti di temerari: si parte dalla bandierina del calcio d’angolo e si gira intorno al campo, sotto l’occhio vigile e le parole gratificante dello staff, chiamato a sostenere l’animo dei giocatori in questi 20 minuti di esercizio probante. La fatica c’è ma viene spazzata via dall’ottimismo che si respira al Centro d’Allenamento. Chi finisce, va con mister Rossi a fare stretching, mentre altri 5 ragazzi passano sotto le grinfie benevole di Baldoni e Duina. Non una variante, la palla resta chiusa nello sgabuzzino. Ma i giocatori non lesinano sorrisi a fine seduta e con la testa sono già a Sant’Agata Feltria. Domani la partenza per il ritiro. Il caldo? E chi lo sente… La S.P.A.L. ha acceso i motori. L’inferno di oggi non è che un assaggio del campionato che verrà. E i biancazzurri hanno tutte le intenzioni di recitare un ruolo di primo piano.


Servizio a cura di Costantino Felisatti

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0