GRAN CALDO ANCHE IN ALTURA, MA LA S.P.A.L. NON SI FERMA. DOMANI PRIMA AMICHEVOLE STAGIONALE

In una mattinata troppo calda anche per gli standard collinari della Valmarecchia una processione religiosa ha percorso il nastro grigio d’asfalto rovente che collega Sant’Agata Feltria a Sarsina: davanti, ad aprire la fila, uno striscione tenuto in mano da due scout: “Chi ha fede cammina”. Tutto considerato, si può dire che chi ha fede nella S.P.A.L. sorre e suda sotto il sole nel locale campo sportivo gestito dalla Santagatese.
I biancazzurri hanno lavorato sodo anche di sabato, agli ordini di un mister Leonardo Rossi intento a predicare impegno, dedizione e passione. Il dio del calcio o chi per lui c’entra poco, qui c’è da costruirsi un futuro con le proprie mani. Anzi, con i propri piedi. Doppia seduta quindi, nonostante il caldo quasi insopportabile a tratti. Seduta pomeridiana particolarmente gustosa e divisa in quattro parti: esercizi di possesso palla, prove di scambi, cross dalla fascia e conclusioni, situazioni attacco contro difesa e partitella finale. Un po’ come gli agenti subliminali di Inception (2010, regia di Christopher Nolan) mister Rossi in questi giorni sta lavorando per instillare nella mente dei suoi giocatori idee, concetti e movimenti in grado di tornare familiari quando in campo si giocherà per i tre punti. Eccolo allora alternarsi tra incoraggiamenti e rimproveri, se non vere e proprie incazzature quando qualcuno non mostra uno stop degno di un giocatore professionista: “Porca miseria, cerchiamo di stopparla meglio!”. Carico di entusiasmo e di spirito, l’allenatore ha poi condotto una sorta di sfida a distanza con il suo vice Baldoni nelle situazioni di attacco contro difesa, quasi una partita a scacchi con tanto di consultazione con i rispettivi schieramenti dopo ogni singola azione.
Quindi il pezzo forte, la partitella a metà campo tra i bianchi e i verdi con casacca: risultato finale 4-3 per i primi, guidati dalla coppia offensiva Cozzolino-Lo Sicco. Proprio l’ex trequartista del Gavorrano è stato il protagonista con una tripletta messa a referto in quaranta minuti di gioco. Partitella estremamente tirata e combattuta, comandata a lungo dai verdi di Varricchio e Braiati: vantaggio firmato Diego Vita, pari del già citato Lo Sicco, 2-1 verde di Silvestri con una staffilata dalla distanza, tris ancora di Diego Vita e pratica che sembra chiusa. Invece i bianchi non demordono, riaprono tutto con il rigore di Cozzolino e poi confezionano il clamoroso sorpasso nel finale con altri due gol di Lo Sicco. Degno di nota l’exploit di Tupac De Marco: il giovane portiere ha avuto il merito di blindare il risultato per i suoi, sventando con due balzi altrettante zampate a colpo sicuro di Varricchio e poi respingendo un calcio di rigore allo stesso bomber biancazzurro. “Ragazzi scusate, ve l’ho fatta perdere io” il commento, venato di ironia, dello stesso Varricchio. Domani si ricomincia: allenamento mattutino (leggero) alle 10, pranzo e poi partenza per San Piero in Bagno per affrontare la Sampierana nella prima amichevole stagionale. Calcio d’inizio alle ore 17, previsto un nutrito afflusso di tifosi spallini.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0