Rossi elogia i suoi ragazzi: Spirito giusto, ora concentriamoci sulla Coppa Italia. L’attaccante? Lo aspetto

Nel dopo gara abbiamo raccolto le voci di alcuni protagonisti della gara di Fruges.

LEONARDO ROSSI (allenatore)

Mister, con la vittoria di oggi avete centrato l’en plein nelle gare di preparazione. Come valuta questo percorso?
“Può sembrare che il percorso non possa dare grandi indicazioni anche se abbiamo vinte nove gare su nove, visto che abbiamo sempre giocato con squadre di categoria inferiore. Però io sono soddisfatto, perché ritengo che l’atteggiamento mostrato dalla squadra sia quello giusto, indipendentemente dall’avversario. Se un gruppo non affronta queste gare con l’approccio corretto rischia degli scivoloni. Noi non ne abbiamo mai avuti, il che significa che i ragazzi sono andati in campo ogni volta per dimostrare qualcosa”.

Domenica al Mazza arriva il Bellaria e si inizierà a fare sul serio, anche se i romagnoli nell’esordio hanno schierato la Berretti e sono stati travolti dal Delta Porto Tolle.
“Sì, ma da quanto so il Bellaria verrà a Ferrara con una squadra diversa rispetto a quella della settimana scorsa. Magari non sarà completa, ma sicuramente avranno qualche giocatore di esperienza in più. Da parte nostra dobbiamo dare dei riscontri concreti. In questo precampionato abbiamo aumentato la nostra autostima e creato i presupposti per fare bene. Di sicuro le vittorie aiutano a crescere”.

Cosa c’è ancora da mettere a punto in particolare?
“Tante piccole cose, ma soprattutto alcuni automatismi tattici. Per la verità la mia priorità è quella di avere a disposizione tutti al meglio della condizione, perché come avete visto capitano spesso piccoli infortuni. Anche oggi Fantoni è dovuto uscire e mi auguro sia nulla di grave, domani ne sapremo di più”.

In effetti il mancino di difesa riveste un ruolo fondamentale per il gioco della S.P.A.L. e lo ha dimostrato anche oggi.
È così, anche se d’altra parte è evidente che solo con un buon piede Fantoni può fare poco. Per rendere al massimo deve recuperare la condizione fisica in modo da poter dare un apporto completo alla squadra”.

Ora rimane solo da completare l’organico con l’arrivo di un attaccante.
“Già, ci vuole e so che la società è al lavoro per trovare una soluzione. I candidati sono quelli che conoscete anche voi (Carminati, Ferretti, Altinier – ndr) perché ci serve un sostituto naturale per quel ruolo”.

DAVIDE VAGNATI (direttore generale)

“Giustamente tutti mi chiedete dell’attaccante. Posso solo dirvi che l’ho appena sentito, domani dovrei vederlo. Non posso dirvi chi è, però tutte le opzioni che abbiamo sul tavolo sono operazioni difficili perché si parla di giocatori che guadagnano somme importanti. Ferretti? Credo voglia rimanere in Prima Divisione, ma anche De Angelis è un buon giocatore. Vediamo, quelli che stiamo valutando sono tutti giocatori di livello”.

MASSIMILIANO VARRICCHIO (attaccante e capitano)

“Direi che il bilancio del nostro campionato può considerarsi più che buono, si è sempre visto lo spirito combattivo in tutte le amichevoli, anche se gli avversari appartenevano a categorie inferiori. Però abbiamo visto che in amichevoli squadre di A vengono messe in difficoltà da squadre di C, soprattutto quando manca la condizione ottimale. Noi invece abbiamo dimostrato di poterci imporre sempre e questo è molto confortante in vista del campionato. In avanti l’intesa migliora, si vede tutto il lavoro che facciamo in allenamento e quando ci sarà un po’ più di gamba le cose miglioreranno ancora di più. Però siamo contenti del primo mese di preparazione perché i progressi si vedono. Abbiamo affrontato tutte le partite con impegno e determinazione ed è questo l’atteggiamento giusto. Penso ci siano i presupposti per fare una buona stagione, il vero valore di questa squadra si vedrà dal primo settembre quando i punti inizierano a pesare. L’attaccante che dovrà arrivare? In un’annata qualche piccolo problema può esserci, perciò un’alternativa è fondamentale”.

 

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0