A Masi Torello piovono gol, la Berretti cede 5-3 col Sant’Agostino. Pedriali: Dobbiamo migliorare molto

S.P.A.L.-S.AGOSTINO 3-5 (0-1)

S.P.A.L. (442): Ruscigno (dal 56′ Anselmi); Saletti, Coatti (dal 1’st Lodi), Buttini, Fini (dal 61′ Tidon); Maccagno (dal 30′ Guerriero), Siciliano (dal 69′ Mastella), Fortini (dal 56′ Cavallini), Nava (dal 72′ De Paola); Vaccari (dal 64′ Neodo), Veronesi (dal 1’st Righini). All.: Pedriali.

S.AGOSTINO (4321): Moretti (dal 1’st Tamburini); Baldissara (dal 1’st Cutiuba), Bolognesi (dal 1’st Ragionieri), Vecchiatini (dall’83’ Baldissara), Sokmak; Neffati (dal 69′ Casalnuovo), Skabar, Casalnuovo (dal 1’st Doni); Lenzi (dal 56′ Iardy), Gessoni (dal 1’st Carpeggiani); Marzola (dall’80’ Gessoni). All. Pera

ARBITRO: Marchesini di Ferrara.
MARCATORI: 25′ p.t. Marzola (SA); 49′ Carpeggiani (SA); 52′ Buttini (SP); 57′ aut. Buttini (SA); 69′ Neodo (SP); 80′ Doni (SA); 88′ Iardy (SA) su rig.; 89′ Righini (SP).
NOTE: Spettatori 100 circa. Giornata calda e soleggiata, terreno in ottime condizioni.

La Berretti di mister Pedriali incappa nella seconda sconfitta del suo precampionato, cedendo al Sant’Agostino con l’inusuale quanto ricco risultato di 5-3. Nel complesso si è trattato di un passo indietro rispetto a quanto mostrato sino ad oggi dalla squadra biancoazzurra che, se si eccettuano i primi venticinque minuti, ha commesso davvero troppi errori e ingenuità  al cospetto invece di una squadra molto esperta, formata da diversi giocatori che militano abitualmente tra Eccellenza e Promozione. S.P.A.L. che si è presentata al fischio d’inizio praticamente al completo, eccezion fatta per il solo Tomanin che Leo Rossi ha aggregato alla prima squadra in vista della trasferta di Meda.

Nella prima parte l’undici di Pedriali tiene bene il campo, cercando di non retrocedere troppo nonostante il possesso di palla del Sant’Agostino, che si rende pericoloso solo in due occasioni: la prima al 13′ da rimessa laterale, con Lenzi che si libera di Buttini nell’area piccola e mette in mezzo rasoterra per Marzola il quale, col pallone solo da appoggiare in rete a porta vuota, calcia incredibilmente a lato. La seconda invece al 17′ con un tiro di contro balzo dalla distanza di Casalnuovo, diretto all’incrocio dei pali, che impegna Ruscigno bravo e fortunato nel salvarsi in due tempi. I Ramarri trovano il vantaggio al 25′ con Marzola più lesto dell’intera difesa biancoazzurra a raccogliere la respinta del portiere sul tiro rasoterra dal limite di Gessoni. Al 31′ bella giocata di Neffati che si prende gioco in area di un difensore della squadra di casa e da posizione defilata mette fuori di poco un diagonale molto potente. La S.P.A.L. si vede solo al 41′ con Nava che converge verso il centro, vince un paio di rimpalli, ma conclude debolmente e la palla termina agevolmente tra le braccia di Moretti.

Nella ripresa solo due cambi per i biancoazzurri, mentre sono ben cinque quelli di mister Pera. A rompere gli equilibri ci pensa però subito Carpeggiani che al 49′ non lascia scampo all’incolpevole Ruscigno con una fucilata dalla distanza. Tuttavia la S.P.A.L. trova subito una degna reazione da calcio d’angolo al 52′: Gurriero esce dai blocchi in area di rigore e con un cross teso trova Buttini che, libero sul secondo palo, non sbaglia di testa e accorcia le distanze. Nemmeno tre giri d’orologio e il Sant’Agostino ritrova il doppio vantaggio grazie a un’incomprensione tra Ruscigno e Buttini, con quest’ultimo che beffa di testa il suo portiere in uscita. La partita perde di intensità con i nuovi cambi e le occasioni fioccano da entrambe le parti. Al 59′ Iardy arriva sul fondo e mette in mezzo per Carpeggiani il quale anticipa tutti sul secondo palo, ma vede uscire il suo colpo di testa. Al 63′ Marzola serve Neffati solo davanti al neo-entrato Anselmi, bravo in questa occasione a negargli la gioia della rete in uscita. Due minuti più tardi Neodo dalla distanza scalda i guanti del giovane Tamburini. Ed è ancora l’attaccante spallino a firmare il temporaneo 3-2 liberandosi di un avversario al limite dell’area e fulminando di destro fulmina l’attonito Tamburini. I ragazzi di Pedriali vanno vicini al pareggio al 72′ con il diagonale di Righini che centra però il palo alla sinistra del portiere. All’80’ ripartenza ospite, Carpeggiani mette in mezzo rasoterra per Doni che, a porta vuota, non sbaglia e riporta a due i gol di distacco. All’86’ S.P.A.L. ancora pericolosa da calcio d’angolo di Guerriero, con Righini che incorna bene e mette alto di un soffio. All’88’ viene atterrato nell’area biancoazzurra Iardy lanciato a rete: lo stesso attaccante del S. Agostino si presenta dal dischetto e spiazza Anselmi, 5-2. C’è ancora tempo per segnare però: all’89’ Righini con una splendida girata in area è ancora una volta sfortunato nel centrare la traversa, con la palla che ricade perpendicolarmente ma rimbalza in campo. Sull’azione successiva Neodo calcia addosso a Tamburini in uscita che si salva inizialmente respingendo col volto, prima che Righini possa insaccare facilmente in rete per il definitivo 5-3.

PAROLA AL MISTER – A fine partita mister Pedriali commenta alquanto amareggiato la prestazione che i suoi hanno messo in mostra oggi: “E’ stato un buon test sotto l’aspetto fisico per il ritmo che il S.Agostino ci ha imposto. Detto ciò, oggi abbiamo fatto due passi indietro rispetto alle uscite precedenti, commettendo una valanga di ingenuità difensive e di questo non sono per nulla contento. Abbiamo praticamente regalato tutti i gol: il primo non stando sulla palla quando invece avremmo dovuto, il secondo con un tiro da trenta metri, il terzo ce lo siamo fatti da soli e il quinto si poteva accompagnare la giocata e invece abbiamo commesso un fallo da rigore. Purtroppo essendo una squadra di giovani, con diversi ’96 in campo, sono cose che ci stanno; dovremmo lavorare ancora molto, anche perché dal punto di vista offensivo riusciamo comunque sempre a creare tante occasioni.”
servizio a cura di Alessio Maini

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0