La ripresa. Buscaroli si presenta: qui per dare una mano. Di Quinzio: torneremo a Meda per far capire chi siamo

Al termine dell’allenamento odierno, al quale non hanno partecipato per guai fisici Falcier e Braiati, (il primo ne avrà ancora per un paio di settimane, mentre il secondo tornerà in gruppo martedì prossimo, ndr.) hanno parlato il diggì Davide Vagnati, il neo acquisto Fabio Buscaroli e Davide Di Quinzio, grande protagonista della sfortunata trasferta di domenica contro il Renate.

Vagnati ha voluto aprire la conferenza con una precisazione sull’acquisto del difensore romagnolo: “Tengo a precisare che Buscaroli non è assolutamente un ripiego al mancato arrivo di Panariello. Fabio è sempre stato una prima scelta per la società e il suo curriculum parla chiaro: mi piacerebbe – sottolinea Vagnati – che l’acquisto di Buscaroli venga visto come un grande colpo e un ulteriore sforzo fatto dalla famiglia Colombarini in questa sessione di mercato”.

E’ stato, poi, proprio lo stesso Buscaroli a intervenire: “La società mi ha voluto fortemente e sono finalmente a disposizione del mister, che conosco già, come la maggior parte dei ragazzi. Il mio obiettivo? Quello di dare una mano alla squadra quando verrò impiegato”.

Il difensore ha poi parlato della sua condizione fisica: “ Mi sono allenato fino a ieri con una squadra di dilettanti per cui posso dire di essere in forma ma non posso affermare di avere ritmo e intensità come se avessi fatto allenamenti con la S.P.A.L.: conto di mettermi alla pari con i miei compagni il prima possibile”. Buscaroli ha poi commentato la nuova era spallina: “Devo ammettere che fare un salto cosi importante da grigio rosso a biancazzurro mi ha fatto un certo effetto, perché, con tutto il rispetto per la realtà Giacomense, qui ci si sente davvero giocatori di una squadra importante”.

Davide Di Quinzio, invece, è tornato sui temi calcistici e non della trasferta di Meda: “Sono ancora personalmente molto arrabbiato per quanto è successo domenica perché il regolamento è risultato davvero assurdo e non adeguato a certe situazioni; in ogni caso ora guardiamo avanti, voltiamo pagina e pensiamo alla partita di domenica sera con il Monza, mentre Mercoledi 18 (verrà rigiocata la partita contro il Renate n.d.r ) torneremo a Meda per far rivedere chi siamo”. Poi l’esterno spallino ha commentato la sua prestazione: “Non riesco a essere felice per quanto successo domenica, anche se avevo trovato un gol, che non è mai stata la mia specialità, con un tiro cross”.

Per la gara di domenica sera al “Paolo Mazza” con il Monza, lo ricordiamo in serale, fermi Rosseti per squalifica e Montorsi, che svolge ancora un lavoro differenziato dopo l’intervento subìto alla scafoide. 

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0