Abbonamenti, raggiunta quota 1561. Il presidente: Possibile un’ulteriore proroga

In tarda mattinata si è ufficiosamente conclusa la campagna abbonamenti della Spal per la stagione 2013/2014.
Sono al momento 1561 le tessere sottoscritte, poco meno di un centinaio da mercoledì, giorno della riapertura, con il picco di presenze registrato proprio a ridosso del week-end. Un dato che sta facendo riflettere le alte cariche della dirigenza biancazzurra: “Non escludo che la campagna abbonamenti prosegua – dice Walter Mattioli, presidente dei ferraresi – domani parlerò con la famiglia Colombarini e mi confronterò con loro: sto pensando di prolungarla ancora, magari lasciando aperto il botteghino solo il venerdì e il sabato. Se sono contento del dato raggiunto sin qui? Io non mi accontento mai, sono fatto così, speravo in 3000 abbonamenti a dirla tutta, vorrà dire che sarà per l’anno prossimo… Scherzi a parte la risposta degli sportivi ferraresi è stata sicuramente adeguata alle nostre aspettative,  adesso tocca a noi dimostrare sul campo di meritare questa fiducia, a cominciare da domani a Bassano: se dovessimo uscire con un risultato positivo non è da escludere che anche gli ultimi scettici decidano finalmente di sottoscrivere l’abbonamento”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0