Ferri e compagni preparano il debutto al Memorial Mazzoni: sabato la sfida contro Firenze

Continuano senza sosta gli allenamenti della Mobyt verso il sempre più vicino debutto in campionato: i biancazzurri non si sono concessi pause dopo l’amichevole giocata in casa con Imola e hanno dedicato il venerdì alla preparazione del Memorial Mazzoni, che si giocherà sabato e domenica al Pala Benedetto di Cento: nella prima giornata Ferri e compagni se la vedranno contro la Affrico Firenze (squadra militante in Legadue Silver, ndr). La sessione pomeridiana del venerdì ha visto coach Furlani far lavorare la squadra su più aspetti. Dopo la più tradizionale delle fasi di riscaldamento e il lavoro sui fondamentali (pick&roll  e hand off) si inizia a fare sul serio: l’allenatore i divide i suoi giocatori in due quintetti per provare gli schemi d’attacco che già abbiamo visto in queste amichevoli precampionato. Si passa poi al cosiddetto 4vs4 a onde: due quartetti si sfidano su una metà campo, mettendo in pratica i movimenti provati in precedenza, mentre un altro aspetta nell’altra porzione di campo; quando la difesa recupera la palla, va a giocare contro il quartetto che riposa e così via. La parte finale dell’allenamento è dedicata al 5vs5 a tutto campo, dedicando minuti allo studio di alcuni schemi d’attacco (e relativa difesa) che l’Affrico Firenze metterà in campo domani, e alle difese personali su alcuni giocatori considerati pericolosi da Adriano Furlani (in particolare il playmaker Simoncelli e il lungo Castelli).

Note positive dell’allenamento sono: grande attitudine e voglia di tutti i ragazzi nell’ascoltare e mettere in pratica le indicazioni del proprio allenatore, l’atleticità del nuovo arrivato Milton Jennings (che ha già deliziato il pubblico con un paio di schiacciate ad altezza siderale) e la mano educatissima dalla distanza di buona parte della squadra (Casadei e Ferri su tutti). Il cantiere Mobyt procede sotto i migliori auspici: le attuali premesse dicono che quest’anno al PalaMIT2B ci sarà da divertirsi.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0