Spal beffata al ’93: con il Lumezzane finisce 2-2. Pedriali: Un passo avanti

S.P.A.L.-LUMEZZANE 2–2 (0-1)

S.P.A.L. (4141): Anselmi; Nava, Saletti, Coatti, Fini; Nalesso (dal 33′ s.t. Buttini); Guerriero, Atzori (dal 15′ s.t. Tomanin), Cavallini (dal 30′ s.t. Siciliano), Maccagno; Vaccari. A disp. Ruscigno, Tidon, Mastella, Bertelli. All.: Pedriali.
LUMEZZANE (4231): Pasotti; Tobia, Nicolini, Becchetti, Caldera; Marukku, Kamano; Braschi (dal 43′ s.t. Leo), Biazetto, Furaforte (dal 39′ s.t. Vianelli); Chiappini (dal 23′ s.t. Bontempi). A disp. Metelli, Magrin, Consoli. All.: Russo.

ARBITRO: Pozzi di Ravenna (Assistenti: Ballardini e Catozzi di Ravenna).
MARCATORI: 39’ p.t. Biazetto (L); 18′ s.t. Cavallini (S); 21′ s.t. Guerriero (S) e al 48′ s.t. Biazetto (L).
AMMONITI: Becchetti (L), Cavallini (S), Atzori (S), Maccagno (S) e Nava (S).
NOTE: pomeriggio di sole, temperatura primaverile, terreno in buone condizioni. Spettatori 100 circa.
Angoli: 3 a 2 per il Lumezzane. Recupero: pt 1’ st 4’.

MASI TORELLO (FE) – Un gol al 93′ del talentuoso Biazetto impedisce a mister Pedriali e ai suoi di godersi una vittoria che, per certi versi, avrebbe avuto i connotati di una vera e propria impresa. La truppa biancoazzurra si presentava infatti, per il suo esordio al “Benito Villani” di Masi Torello, a dir poco decimata, viste le squalifiche ancora da scontare dopo i playoff dell’anno scorso inflitte a Veronesi e Lodi e gli infortuni di Neodo, – per lui rottura di tibia di perone – Righini, Fortini, Ferrari e De Paola, con Mastella e Bertelli in panchina solo raggiungere il numero di 18 giocatori in elenco.
La carenza di alternative in attacco e la necessità di dare una maggiore fiducia ai suoi dopo il pesante 0 a 6 di Reggio Emilia portano il mister spallino a tornare sui suoi passi rispetto al 4-4-2 provato nelle amichevoli in favore di un più prudente 4-1-4-1, con il solo Vaccari davanti. Inizio un po’ molle dei padroni di casa, con le urla di mister Pedriali in sottofondo a stimolare e comandare passo dopo passo i suoi che, al 7′, potrebbero rendersi molto pericolosi con Vaccari abile, sugli sviluppi di un calcio di punizione, a farsi trovare libero in mezzo all’area, ma non altrettanto nel trovare il tempo per colpire di testa.
All’11’ contatto sospetto nell’area spallina tra Cavallini e Braschi con l’arbitro che lascia proseguire. Al 18′ Braschi taglia verso il centro e con una conclusione rasoterra dalla distanza impegna Anselmi. IMG_7284Due minuti dopo ghiotta occasione ancora per la S.P.A.L: angolo battuto corto da Maccagno sui piedi di Guerriero che è bravo a girarsi e a trovare solo in mezzo all’area Cavallini, con quest’ultimo che però “ciabatta” malamente. Il Lumezzane ribatte colpo su colpo: ancora un taglio di Braschi da destra sorprende la difesa biancoazzurra, con Anselmi che però non ha grossi problemi nel parare il tiro. Al 25′ percussione di Tobia sulla fascia destra e Nava, con una diagonale perfetta, salva all’ultimo istante su Chiappini pronto a calciare a rete indisturbato dentro l’area piccola. Valgobbini che premono sull’acceleratore: Biazetto ci prova su punizione da posizione laterale con la palla che termina poco alta sopra la traversa. E’ il preludio al vantaggio ospite che lo stesso numero 10 rossoblù, al 39′, realizza con un bel tiro dalla distanza che termina diretto all’incrocio dei pali. Un gol che sa di doccia fredda per i ragazzi di Pedriali e che giunge davvero inaspettato visto il sostanziale equilibrio fino al quel momento. S.P.A.L che rischia di affondare già due minuti più tardi quando Anselmi sbaglia il tempo facendosi anticipare da Chiappini sul cross di Braschi, sfera che termina di un nulla sul fondo.

Nessun cambio a inizio ripresa e S.P.A.L. sempre alla ricerca della compattezza difensiva per poi colpire in contropiede con la velocità dei suoi giocatori offensivi.
Al 7′ bella combinazione al limite dell’area con Atzori che smarca Maccagno solo davanti a Pasotti, ma il portiere lombardo è molto attento nell’anticiparlo in uscita. Centoventi secondi più tardi ecco arrivare però il pareggio dei biancazzurri: percussione centrale di Guerriero bravo e fortunato nel vincere una serie di rimpalli e nel servire, completamente solo davanti al portiere, Cavallini che, con un tiro a giro di destro, non sbaglia.  Il Lumezzane prova a riportarsi subito in vantaggio, ma Anselmi alza sopra la traversa una bella punizione di Braschi dalla distanza. Buona S.P.A.L. che colpisce ancora, un minuto dopo, ribaltando il parziale del primo tempo: Vaccari, generosissimo, porta Pasotti a un disimpegno frettoloso che arriva sui piedi di un Guerriero implacabile di sinistro: è il gol del 2-1. IMG_7291
Mister Pedriali inserisce forze fresche nel reparto di centrocampo, mentre gli ospiti faticano a rendersi pericolosi almeno fino all’84’ quando Furaforte, da due passi dentro l’area piccola, mette fuori di testa su angolo di Biazetto. La stoica resistenza spallina viene però piegata a un solo minuto dal termine, con il solito Biazetto che sorprende la difesa biancazzurra su un lancio dalle retrovie e di punta anticipa Anselmi, ancora una volta indeciso nell’uscita. Finisce con un 2-2 che sa di beffa ma con gli uomini di Pedriali che hanno senza dubbio fornito una prestazione più convincente rispetto a sette giorni fa a Reggio Emilia: sabato prossimo, ancora al “Villani”, arriverà la Feralpi Salò con l’obiettivo di portare a casa i primi tre punti stagionali.

LE INTERVISTE.
Massimo PEDRIALI (allenatore S.P.A.L.)

Mister qual è il suo stato d’animo al termine di questa partita, con una vittoria sfumata proprio allo scadere?
“Dopo la partita di oggi sono molto contento, a prescindere dal pareggio a un solo minuto dal termine; quello che mi interessava era vedere una reazione da parte dei ragazzi, che oggi c’è stata, confermando che la partita deludente di sabato scorso è stato solamente un episodio. Abbiamo giocato di rimessa, lottato. IMG_7366La mia squadra è questa, dobbiamo migliorare ancora in molte cose, ad esempio essere più propositivi, perché oggi abbiamo sbagliato molte volte nelle ripartenze, ma nonostante ciò sono sereno, dopo una settimana molto difficile, in cui siamo stati criticati un po’ da tutti.”

Il 4-1-4-1 proposto è solo frutto delle assenze o nasce da una precisa intenzione dopo la sconfitta di Reggio Emilia?
“Al 4-1-4-1 avevo già pensato, poi chiaramente gli infortuni di Neodo, che si è rotto tibia e perone in un’incidente, di Righini e la squalifica di Veronesi non mi hanno lasciato troppa scelta. Certo, quando una squadra perde 6 a 0 si ha bisogno di essere più coperti, visto che poi, come dimostrato oggi, possiamo sfruttare la rapidità dei nostri giocatori davanti. Questo schema rimane comunque un’ottima alternativa per il futuro.”

 

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0