Di Quinzio e una rotula ballerina. Ennesimo stop per il forte esterno biancazzurro

Davide Di Quinzio, anche oggi, dopo Castiglione, ha fatto subito gridare al peggio una volta che lo abbiamo visto rotolare a terra dopo un semplice allungo su un avversario. La rotula del ginocchio sinistro è un problema che si porta dietro da sempre il nostro forte esterno scuola Inter e anche oggi, puntualmente, lo ha tradito sul finire del tempo. Sul centro-sinistra. In pieno recupero. Come a Castiglione, manco a farlo apposta.
Dai primi accertamenti sembra che il problema si sia risolto quando è iniziato: la rotula è uscita e rientrata da sola, ma questo non è bastato al ragazzo per poter rientrare in campo ma solo per farlo uscire, seppure dolorante, sulle proprie gambe.
Martedì mattina – la Spal riprenderà gli allenamenti alle 10 – se ne saprà di più, ma sembra ormai chiaro che la strada da percorrere vada scelta tra la terapia conservativa da fare fino a termine stagione – con tanto di… armatura alla gamba sinistra – e l’intervento chirurgico, che però costerebbe almeno 3 mesi di stop al ventiquattrenne di Paderno Dugnano. E la Spal, si sa, al momento non può permettersi un Di Quinzio fuori fino a fine febbraio, visto che è tra i migliori del gruppo. Certo è un altro problema, che alla lunga potrebbe anche aggravarsi. La società lo sa, Di Quinzio pure che convive con il problema ma che mai però lo aveva così invalidato come quest’anno. Bisognerà fare la scelta migliore che da un lato non vada a compromettere la salute del giocatore e dall’altro rispetti quegli obblighi, al momento impellenti, di classifica. In settimana ne sapremo di più anche se contro il Real Vicenza, tra otto giorni, potrebbe essere regolarmente al suo posto in campo. Sperando la rotula smetta di ballare una volta per tutte. In bocca al lupo Davide!

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0