La Spal vince la battaglia del Paolo Mazza: Real Vicenza sconfitto 3-2

Ennesima vittoria col brivido per la SPAL, che in questa stagione stagione sta dimostrando di non annoiare mai il pubblico del Paolo Mazza: stavolta a subire il terzo 3 a 2 consecutivo tra le mura dello stadio ferrarese è il Real Vicenza secondo in classifico. Partita per cuori forti, giocata contro un avversario davvero di livello, su un campo pesantissimo in particolar modo sulla corsia sottostante la tribuna stampa.

Avvio trascendentale per i biancazzurri che al terzo minuto di gioco reclamano già il cartellino rosso per il difensore Mei, reo di aver trattenuto da ultimo uomo lo scatenato Cozzolino. Ma per il direttore di gara Mangialardi (direzione molto all’inglese la sua) è solo ammonizione. Sugli sviluppi del calcio piazzato, battuto forte e rasoterra da Fantoni, arriva il primo vantaggio spallino firmato Tommaso Silvestri che da pochi passi trafigge Tomei. La Curva Ovest gradisce l’atteggiamento dei biancazzurri, trascinati da Cozzolino che sul campo pesante del Mazza fa letteralmente andare in tilt la retroguardia veneta. Funzionano a meraviglia le triangolazioni con Varricchio e puntualissimi sono gli inserimenti offensivi di un Landi in versione incursore. Al ventesimo minuto di gioco uno degli episodi chiave del match: Rebecchi viene atterrato in area da Paloni ed è rigore netto. Va sul dischetto Alessandro, ma la sua conclusione viene respinta dal prodigioso Menegatti che festeggia al meglio il rinnovo di contratto firmato in settimana.
La partita non ha un attimo di sosta. Due minuti dopo Varricchio a tu per tu con Tomei spedisce di poco a lato, mentre Paro è costretto a lasciare il campo per un probabile infortunio muscolare, al suo posto il giovane Banzato. Il Real Vicenza prende molto campo, conquista diversi calci d’angolo e al minuto 34 trova il gol del pareggio con Alessandro che si fa perdonare il rigore sbagliato, insaccando un preciso traversone dalla destra di Lavagnoli, indisturbato al momento del cross. La reazione della SPAL è fulminea: azione rapida tra Fantoni e Cozzolino che con due tocchi mandano Varricchio solo davanti al portiere veneto: l’attaccante biancazzurro finta di aprire il piattone, ma chiude in rete con il destro segnando il suo decimo gol stagionale. Finisce così un primo tempo spettacolare con le due squadre che hanno mostrato un calcio decisamente da categoria superiore.

Nella ripresa il ritmo della SPAL cala drasticamente e permette ai biancorossi di attaccare con maggiore continuità. Veneti vicino al gol al 17’ con Menegatti e Buscaroli che in qualche modo salvano su Strizzolo. Al minuto 26 nella SPAL esce uno spento Lazzari per Rosseti, mentre nelle file del Real Vicenza entra Pavic per Lavagnoli. E’ proprio il giovane sloveno a ristabilire la parità a due minuti dal suo ingresso, battendo l’incolpevole Menegatti con un preciso diagonale di sinistro. 2-2 e palla ancora una volta al centro del campo. A questo punto le squadre abbassano i ritmi, il pareggio sembra andare bene a entrambe le formazioni. Ma al 39’esimo il colpo di scena: punizione dalla sinistra per la SPAL: la palla spiove nell’area di rigore veneta, tocco di testa di Silvestri e Buscaroli da pochissimi passi colpisce di piattone mettendo in rete il gol del 3 a 2 e facendo impazzire di gioia i 2690 presenti.

Il finale è da brividi. Girandola di sostituzioni: dentro Magrassi per Strizzolo e Personè per un generosissimo Varricchio. Il Real Vicenza tenta in tutti i modi di penetrare la difesa spallina, ma il pubblico presente trascina i ragazzi di Gadda, che gettano il cuore oltre l’ostacolo spazzando la propria area di rigore in ogni modo possibile. I cinque minuti di recupero sembrano infiniti. A trenta secondi dal termine doppio giallo per Capellupo, che regala l’ultima punizione ai veneti. Sale in area persino il portiere Tomei che colpisce di piede e manda sul fondo il pallone. Triplice fischio dell’arbitro Mangialardi ed esplosione di gioia per i cuori biancazzurri oggi sottoposti a una fibrillazione d’altri tempi. Per la SPAL tre punti fondamentali, la quota 18 in classifica è abbastanza incoraggiante per il futuro. Sicuramente per mister Gadda ci sarà ancora da lavorare per migliorare certi aspetti, come la gestione della palla e alcune situazioni difensive. Domenica a Ferrara arriverà la Pergolettese, sarà ancora una volta il caso di presentarsi allo stadio per spingere i biancazzurri verso un’altra vittoria.

SPAL-REAL VICENZA 3-2

SPAL (532): Menegatti; Lazzari (dal 27′ s.t. Rosseti), Paloni, Buscaroli, Silvestri, Fantoni; Landi, Capellupo, Paro (dal 24′ s.t. Banzato); Cozzolino, Varricchio (dal 44′ s.t. Personè). A disp.: Coletta, D’Orsi, Cenerini, Panizzi All.: M. Gadda.

REAL VICENZA (442): Tomei; Barzan, Mei, Busatto, Porcino; Lavagnoli (dal 27′ s.t. Pavic), Caporali, Malagò, Rebecchi; Alessandro (dal 38′ s.t. Bacher), Strizzolo (dal 43′ s.t. Magrassi). A disp.: Bagherini, Tricoli, Fongaro, Moro. All.: M. Vittadello.

ARBITRO:  Mangialardi di Pistoia (Assistenti: Dal Cin e Hager).
RETI: 4′ p.t. Silvestri (S), 34′ p.t. Alessandro (RV), 36′ p.t. Varricchio (S); 28′ s.t. Pavic (RV), 40′ s.t. Buscaroli (S).

Ammoniti: Mei (RV), Alessandro (RV), Lavagnoli (RV), Banzato (S), Capellupo (S), Rebecchi (RV).
Espulsi: al 19′ p.t. Moro (RV) dalla panchina, al 49′ s.t. Capellupo (S) per doppia ammonizione.
Angoli: 2-8 Recupero: 0′ + 5′
Note: al 22′ Menegatti respinge un calcio di rigore calciato da Alessandro.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0