Berretti, inizia la risalita. Pregnolato: Valiamo di più dell’ultimo posto in classifica

Ultimo turno del girone d’andata per la formazione Berretti allenata da Giuseppe Pregnolato. Contro il Real Vicenza guidato da Gianfranco Brendolan, i biancazzurri hanno l’occasione per iniziare nel migliore dei modi il 2014. I veneti hanno tredici punti in classifica e sono reduci dalla sconfitta per 3 a 1 nel derby col Vicenza. Un avversario quindi alla portata degli spallini usciti a testa alta dal 3 a 0 subito a Masi Torello dalla capolista Mantova. Assente per squalifica Bernardelle nel Real Vicenza, mentre Pregnolato dovrà fare ancora a meno di Veronesi, che scontata la squalifica, sarà assente per infortunio. Ancora ai box Bertelli, mentre nella seduta d’allenamento di mercoledì si è fermato Mastella. Non saranno convocati Panizzi e Montorsi, squalificato. Rientrano, dopo aver scontato la squalifica, Lodi e Tomanin.

Mister, dal suo arrivo una vittoria esterna con il Venezia, poi una buona prova col Mantova nonostante la sconfitta.
“A Venezia abbiamo vinto soffrendo, i ragazzi hanno reagito al cambio in panchina. Contro il Mantova siamo stati in partita per settanta minuti poi abbiamo subito episodi sfavorevoli, come il rigore e l’espulsione di Montorsi. La nota positiva è il temperamento messo in campo dalla squadra. E’ un gruppo che sa lavorare e ha voglia di migliorarsi. Questo è molto importante”.

La Spal ha fin qui raccolto solo sette punti. E’ ultima in classifica con la peggior difesa e il penultimo attacco. Quali sono gli obiettivi per il 2014 per la sua squadra?
“La gara di Venezia, ma soprattutto i settanta minuti contro il Mantova, capolista e con un ruolino di marcia impressionante, hanno dimostrato che questa squadra vale di più dell’ultimo posto in classifica. Nella gara col Mantova l’enorme divario in classifica non si è visto e dimostra che con il lavoro, l’attenzione e la concentrazione possiamo giocarcela con tutte. Ovviamente, il campionato è compromesso, tuttavia oltre all’obiettivo di crescita dei ragazzi in termini di classifica possiamo puntare ad avvicinare le tre-quattro squadre che ci precedono in classifica. Il Real Vicenza è una formazione alla nostra portata e ha pochi punti in più quindi abbiamo l’obbligo di far bene”.

La sosta le ha permesso di conoscere meglio il gruppo?
“In tutta onestà siamo ancora in una fase di conoscenza reciproca. Per me sono tutti allo stesso livello, non ho notato lacune maggiori in alcuni rispetto ad altri. Spero di creare un buon feeling poi sono i risultati a creare entusiasmo e ad aiutare la crescita. Abbiamo ripreso gli allenamenti il 28 dicembre, solo il 1 gennaio abbiamo riposato. Abbiamo incontrato la volontà dei ragazzi ed è stato positivo. Il numero degli infortunati è sceso da sette a tre: Mastella, Veronesi e Bertelli e dalla squalifica rientrano Lodi e Tomanin. Forse per la prima volta qualcuno non sarà convocato e questo mi dispiace, ma ci sarà turnover”.

Su quali aspetti si è concentrato il lavoro durante la sosta?
“Sull’attenzione, sul mettere il corpo in alcune circostanze, sulle diagonali difensive e sulle situazioni di ingresso in area degli avversari. Abbiamo subito molti rigori, occorre capire che a volte si può accompagnare l’avversario senza entrare in maniera scomposta”.

Novità di formazione in vista della gara col Real Vicenza?
“Sono indeciso tra scendere in campo con uno schieramento ad una o due punte. Mancheranno Montorsi, squalificato e Panizzi della prima squadra, ma rientreranno Tomanin e Lodi”.

Chiudiamo con il mercato. Qualche arrivo o partenza in vista?
“Stiamo valutando il gruppo. Finora alcuni ragazzi hanno avuto poco spazio per via degli infortuni. Ci sono alcune richieste di società di serie D e Eccellenza per i nostri ’95 Vaccari, Bertelli e Tomanin. Martedì faremo il punto della situazione con il direttore Vagnati e il responsabile del settore giovanile Orlandini”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0