Nonostante le assenze Gadda è sereno: Partita difficile, ma noi stiamo bene

È un Massimo Gadda sereno e con le idee decisamente chiare quello che si è presentato davanti ai taccuini dei cronisti ferraresi per la conferenza di presentazione della sfida di campionato contro il Renate, prima uscita ufficiale dei biancazzurri nell’anno solare appena iniziato. Una tranquillità che non sembra poter essere scalfita nemmeno da quella che è la vera e proprio notizia di giornata, ovvero la certa indisponibilità di Fabio Lebran, il cui tesseramento non è ancora stato perfezionato dalla Lega Calcio per problemi informatici. Una lista dei convocati che non vede, inoltre, il lungodegente Di Quinzio e come previsto Buscaroli, ai quali si aggiungono il forfait di Personè per problemi muscolari e le esclusioni di Montorsi e D’Orsi, per i quali la società di via Copparo sta cercando sempre troppi misteri una sistemazione alternativa.

I possibili dubbi sul sostituto di Lebran in mezzo alla difesa, rispetto alla formazione che giovedì scorso ha battuto l’Argentana, sono stati subito risolti dal mister stesso, che ha annunciato la presenza in campo dal primo minuto di Cenerini. Ancora Gadda sulla formazione: “Non c’è molto da nascondere per la partita di domani, il modulo come sapete sarà lo stesso visto tre giorni fa, quindi si torna al 3-5-2 che è congeniale ai giocatori che fanno parte di questa rosa, con la possibilità di tornare alle tre punte a partita in corso. Gioca Berretti dall’inizio ed è una soluzione che non ci fa perdere nulla davanti, visto che è un giocatore capace di inserirsi molto bene”. Un mister che ha raccontato come “i giocatori si sono presentati in buone condizioni alla ripresa e questo ci ha permesso di lavorare bene in questi giorni, pur con qualche intoppo fisico come quello occorso a Personè; la condizione generale, a occhio, sembra buona, poi è chiaro che la sosta può influire, togliendo ritmo e concentrazione, ma questo è un fattore che vale per tutte le squadre”.

Si passa poi a dare uno sguardo all’avversario di domani, il Renate, che all’andata riuscì, nella ripetizione della partita sospesa per infortunio all’arbitro Olivieri di Palermo, a bloccare la Spal sullo 0-0: “I nostri rivali hanno solo un punto in meno di noi, ma fuori casa hanno un percorso davvero impressionante, con cinque vittorie, tre sconfitte e nemmeno un pareggio. Davanti hanno ottimi elementi, tra cui questo ’94 Scaccabarozzi, mentre in difesa contano su quattro o cinque giocatori che da diversi anni giocano insieme. È chiaro che è una partita difficile, ma come altre che abbiamo vinto, quindi non serve esser retorici. Certamente sarebbe importante ripartire con un successo, perché d’ora in avanti dobbiamo cercare in ogni partita di mettere fieno in cascina, ma è anche vero che la nostra posizione di classifica ci permette di affrontare la gara con una maggiore serenità, in virtù di quattro punti di vantaggio sull’ottavo posto che ci lasciano comunque un minimo margine di errore rispetto ad altre squadre”. Un ultimo pensiero ai tifosi: “Mi aspetto il solito Mazza a livello numerico e di partecipazione, visto che i tifosi non ci hanno mai fatto mancare il loro supporto fino ad oggi”.

 

[I convocati di Spal – Renate: http://is.gd/dskBH8 ]

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0