E’ Casagrande il rinforzo giusto per Furlani? L’ex Lucca in prova per tre giorni

Quando il mercato della Mobyt sembrava chiuso o comunque in una fase di stallo, ecco la sorpresa: all’allenamento del giovedì ha preso parte anche Riccardo Casagrande, ala piccola classe 1988 che attualmente gioca nella Pisarium 2000 Pesaro in DNC. La sua squadra è in testa al campionato e Riccardo vi ricopre un ruolo di primo piano con i suoi quasi 18 punti di media a partita. Non a caso si tratta di un giocatore dal curriculum già di spessore: nel suo passato ci sono esperienze a Casalpusterlengo, Siena, Imola e infine Lucca dove si trovava anche Riccardo Bottioni nella scorsa stagione. Resterà a disposizione di coach Furlani fino a sabato.

Dopo aver assistito alla prima seduta di Casagrande con i potenziali nuovi compagni, abbiamo chiesto ad Andrea Pulidori, direttore sportivo della Mobyt, di darci qualche dettaglio in più sul periodo di prova del giocatore: “Questa è una possibilità offerta dal mercato che abbiamo deciso di percorrere per due ragioni: sia per poter osservare al meglio e nel dettaglio il giocatore, sia per dare una mano alla squadra ad allenarsi con maggior intensità. Non siamo abituati a trattare le persone come pacchi postali, quindi se ad allenarsi con i ragazzi è perché c’è una possibilità che rimanga. Lui è sotto contratto con un’altra squadra e quindi non potrà stare con noi per un lungo periodo di prova. Abbiamo concordato che sarebbe rimasto con noi per tre giorni in modo da poterlo testare almeno un po’ all’interno della squadra vedendolo giocare da vicino. Il giocatore è comunque abbastanza conosciuto nell’ambiente, ma volevamo appunto farci un’idea migliore. Con il procuratore siamo d’accordo che gli sapremo dire a breve quale sarà la nostra decisione una volta fatte le nostre valutazioni. In meno di un mese avremo fornito una risposta, continuando a monitorare le opportunità che giorno dopo giorno si sviluppano e sulla fattibilità dell’operazione”.

 

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0