Post-partita: Simone Colombarini, Nicolas Giani, Tommaso Arrigoni

Nel dopo gara abbiamo raccolto le impressioni anche di Simone Colombarini, Nicolas Giani e del nuovo arrivo Tommaso Arrigoni.

Simone COLOMBARINI (patron SPAL)
“Una partita giocata non bene, primo tempo buttato, regalato agli avversari. Abbiamo commesso due errori importanti e continuiamo a prendere due gol a partita nonostante il mercato. Sembra proprio che dovremo soffrire ancora. Le assenze? Lazzari sappiamo quanto sia importante per il nostro gioco, oggi però non solo chi lo ha sostituito ma anche altri ragazzi non hanno reso secondo le aspettative. E’ un passo falso che non ci aspettavamo, domenica contro l’Alessandria servirà tutta un’altra SPAL per centrare l’obiettivo”.

Nicolas GIANI (difensore SPAL)
“Non credo che la squadra abbia sottovalutato l’avversario. Sapevamo che non sarebbe stata una partita semplice, non entriamo mai in campo guardando la classifica, il Castiglione ha cambiato tanto ed è un avversario che merita rispetto. Un peccato perdere così, su due errori che si potevano e si dovevano evitare. Un brutto primo tempo, è vero, poca grinta, poco mordente, serviva più cattiveria. Dovremo rifarci subito, già domenica contro l’Alessandria ma è chiaro che c’è da lavorare tantissimo”.

Tommaso ARRIGONI (centrocampista SPAL)
“Mi dispiace, è una brutta sconfitta e siamo tutti delusi. Non è importante se ho giocato bene, quello che conta è la partita e i punti, che oggi abbiamo perso. Il Castiglione ha sfruttato bene i due episodi a favore, poi si sono chiusi a riccio e per noi la strada è stata tutta in salita. Dove posso giocare? Mediano, regista, mezzala, anche trequartista: oggi il mister avrebbe voluto impiegarmi da mezzala ma non ho ancora minutaggio nelle gambe e allora nel 4-2-4 mi sono messo vicino a Capellupo a fare un po’ da diga. Domenica con l’Alessandria tre punti dobbiamo farli assolutamente. Il pubblico? Speciale. Se Cesena è tanta roba, anche Ferrara non scherza: è un onore giocare in una piazza così, spero davvero di fare bene con questa maglia”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0