Una vittoria che può dare slancio, Mays ci crede: Pronti per Agrigento

A margine della sofferta vittoria contro la Torrevento abbiamo sentito due dei protagonisti del match: Benfatto, che nel primo quarto ha dominato sotto canestro, e Mays, top scorer con i suoi 29 punti.

MICHELE BENFATTO

In estrema sintesi: è stata dura ma ce l’avete fatta.
“Sì, verso l’ultimo quarto ce la siamo vista brutta. A due minuti dal termine ci siamo trovati sotto di quattro punti. Siamo stati bravi a riprenderci e a continuare a fare canestro, e tutto è andato per il verso giusto”.

Durante la partita avete avuto alti e bassi: come te lo spieghi?
“Qualche disattenzione di troppo che li ha facilitati. Poi loro sono stati anche bravi a segnare alcune triple importanti. Dobbiamo migliorare su questi aspetti, ma finché vinciamo va bene così”.

Due parole per su Jennings, che oggi ha assaggiato lungamente la panchina e quando è tornato in campo è stato bravo a incidere.
“È un giocatore molto importante per noi. È un giovane americano al primo anno e non è facile integrarsi in una squadra di primo livello come la nostra in cui è richiesta costanza di rendimento. Deve migliorare nella concentrazione, ma se gioca come ha dimostrato oggi nei momenti importanti ci può dare una grandissima mano”.

A partire da giovedì, quando incontrerete la capolista.
“Sì, anche se fino alla settimana scorsa eravamo noi. Penso sia difficile giocare in casa loro, è un campo caldo. Anche la trasferta in aereo non ci semplifica la vita, ma andremo là per vincere e per provare a ritrovare la vetta, consapevoli di aver vinto di 22 all’andata”.


JULIUS MAYS

Julius, sarai particolarmente soddisfatto, sia della tua prestazione sia del risultato raggiunto dalla squadra.
“Certo, era importante vincere e non mi importa della performance individuale. Era fondamentale tornare alla vittoria”.

Ti ha esaltato il duello a distanza con Di Nunno?
“Lui è fortissimo, è di stazza piccola e rapido. È difficile difendere su un giocatore del genere che può sempre inventare qualcosa dal palleggio, tirare o scaricare dopo la penetrazione”.

Questa sera eri molto ispirato al tiro. Pensi a che tipo di tiro fare o ti viene d’istinto in base a come si sviluppa il gioco?
“Solo istinto, ho fiducia nel mio tiro da tre punti e quando ricevo e me la sento non esito”.

La prossima partita è in trasferta, dove avete dimostrato alcune difficoltà di recente.
“Abbiamo vinto una grande partita oggi, penso che potremo trovare le giuste energie e che vedrete una squadra diversa anche in trasferta a partire dalla prossima partita”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0