Lebran in dubbio fino al fischio d’inizio, ci sarà anche Varricchio

Al termine dell’allenamento mattutino di rifinitura, mister Massimo Gadda ha diramato l’elenco dei diciannove giocatori convocati per la trasferta di Bra. Non sono partiti per il Piemonte alcuni giocatori, tra cui Buscaroli non ancora ristabilito dopo l’infortunio di domenica scorsa. Ancora fuori causa Paro, Pandiani e Braiati. Il tecnico spallino però ha recuperato Varricchio, mentre Lebran rimane in forse fino all’ultimo secondo utile per presentare la formazione titolare all’arbitro.

Portieri: Coletta e Menegatti.
Difensori: Fantoni, Giani, Lebran, Paloni, Sereni, Silvestri.
Centrocampisti: Arrigoni, Berretti, Calvetti, Capellupo, Landi, Lazzari, Vita.
Attaccanti: Cozzolino, Falomi, Personè, Varricchio.

Indisponibili: Braiati, Buscaroli, Di Quinzio, Pandiani, Paro, Tessari.
Diffidati: Capellupo, Fantoni, Giani, Pandiani, Paro, Varricchio.

Probabile formazione (352): Menegatti; Lebran, Silvestri, Giani; Lazzari, Capellupo, Landi, Berretti, Sereni; Cozzolino, Personè. A disposizione: Coletta, Paloni, Fantoni, Arrigoni, Vita, Varricchio, Falomi.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0