Gli altri risultati riempiono il bicchiere di Gadda: Partita dura, punto importante

Dopo aver annotato le dichiarazioni dei massimi dirigenti spallini, abbiamo incontrato anche i protagonisti in campo di Pergolettese-SPAL. Di seguito le parole di Massimo Gadda, Stefano Capellupo e Andrea Paloni.

Massimo Gadda – allenatore SPAL –
“La partita è stata giocata a viso aperto entrambe abbiamo provato a vincere. Partita dura e difficile, ma non ci aspettavamo nulla di diverso. E’ un punto importante anche alla luce degli altri risultati. Dal punto di vista fisico la squadra ha retto bene, ci sono stati gioco e corsa, probabilmente tensione e nervosismo hanno fatto la loro parte; comunque ripeto, alla luce degli altri risultati questo è un punto importante, e ora dobbiamo solo pensare a prepararci per vincere già la prossima in casa con la Vecomp”.

Stefano Capellupo – centrocampista SPAL –
“Abbiamo fatto abbastanza fatica oggi, specialmente nel secondo tempo. Credo sia principalmente un problema fisico, com’è normale che sia in finale di una lunga stagione. C’è anche un piccolo calo mentale, ma è normale anche questo, perché è tutto connesso.  Non è semplice essere sempre al massimo per tutta la stagione, e questo può appunto far rallentare, come stanno rallentando anche le altre. Questo ovviamente non vuole essere una scusa. Detto questo la Pergolettese si è presentata con un modulo abbastanza abbottonato e giocatori di tutto rispetto, e le motivazioni giuste. Ora tutto si giocherà domenica prossima in casa, contro una Vecomp che verrà sicuramente per fare i tre punti, e sarà una partita davvero tosta”.

Andrea Paloni – difensore SPAL –
“Abbiamo incontrato una squadra motivata, che aveva come noi l’obbligo di vincere, è stata una partita combattuta. Il pareggio in casi come questo ci può anche stare. E’ chiaro che visti i pochi punti che ci separano dall’obbiettivo si sperava di avvicinarlo, se non di agguantarlo già da oggi. E’ un peccato, ma non bisogna abbattersi, ora dobbiamo solo pensare a riprenderci e fare meglio già dalla prossima, grazie anche all’aiuto del nostro grande pubblico, per poter regalare la gioia della promozione prima dell’ultima giornata”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0