Ultime dai campi: il Mantova riabbraccia Fortunato, SPAL con Falomi-Cozzolino

Mantova contro SPAL, poche ore al fischio d’inizio e sale l’inevitabile febbre in vista della sfida. Vediamo le ultime dalle rispettive sedi.

QUI MANTOVA – Cinquemila anime di biancorosso vestite e in trepida attesa di giudizio è il sogno che si aspetta, sui gradoni dell’impianto di viale Te, il presidente nonché azionista di maggioranza del sodalizio mantovano Michele Lodi: il proprietario della ‘Sicurinvest Holding’ di Verona ha annunciato grandi novità in vista di un ‘derby’ – come lo chiamano loro – tra i più sentiti ma soprattutto più in generale per una gara che, calendario alla mano, in casa virgiliana, vale da sola più di mezza stagione: tra le iniziative ricordiamo che ogni abbonato avrà la possibilità di portare gratuitamente un proprio amico allo stadio nello stesso settore per il quale ha sottoscritto il suo abbonamento; e ancora tutti i ragazzi che non hanno ancora compiuto il diciassettesimo anno di età entreranno gratuitamente allo stadio, infine, i biglietti per tutti i settori dello stadio destinati ai tifosi del Mantova saranno in vendita al solo prezzo ridotto. Roberto Floriano MantovaLunghe le code ai botteghini nei giorni scorsi, ipotizzabile quindi venga largamente battuto (se non addirittura raddoppiato) il record stagionale delle 2.500 presenze della gara persa contro il Monza. Alle 12 di oggi già sottoscritti oltre 1.000 tagliandi ma si andrà avanti anche domani fino all’immediato pre-gara.
Dal campo: le uniche novità riguardano l’attaccante Zanetti: per lui campionato finito anzitempo a causa di una lesione muscolare che lo terrà lontano dai campi di gioco per almeno un mese; per il resto tutta la rosa è a disposizione di Carlo Sabatini che recupera Pondaco e Cavagna e medita di virare sul 433 con capitan Spinale che dovrebbe tornare in mediana (Creati l’alternativa) con De Respinis insieme a Floriano ai lati dell’unica punta (Masini o Fioretti?). A centrocampo potrebbe trovare posto anche l’ex Fortunato (favorito su Uliano) soprattutto se l’allenatore decidesse di confermare il 4231 – vincente – visto a Santarcangelo. Fioretti, match-winner in Romagna, scalpita e sarà solo con l’annuncio dello Starting Eleven che si saprà chi avrà vinto il ballottaggio che lo vede in piena lotta con il più esperto Masini.

QUI FERRARA – Calma e gesso, prima di ogni altra cosa. Servirà una SPAL ‘edizione straordinaria’ per domare la belva biancorossa che scenderà in campo con gli occhi spiritati e alla disperata ricerca di quei tre vitali – e obbligati – punti per continuare a coltivare il sogno promozione. La situazione in casa biancazzurra alla voce infortuni preoccupa ma niente allarmismi: la partita va vista nell’ottica dei 180 minuti che restano e di decisivo c’è niente. Senza capitan Varricchio e Sereni, con Paro fermato dal giudice sportivo, Di Quinzio naturalmente non ancora al meglio della condizione e Buscaroli ultimo in ordine di tempo ad alzare bandiera bianca, l’unica cosa che si può fare è andare in terra nemica con l’arma in più della tranquillità di chi almeno i trequarti di obiettivo lo ha già messo in saccoccia. Servirà una squadra di lotta e di governo per uscire indenni da un campo che si annuncia infuocato. Ma l’ago della bilancia pende tutto dalla parte ferrarese. A differenza del Mantova la SPAL non ha necessità di fare la partita e non deve vincere a ogni costo: Cozzolino esulta con Capellupo e Silvestribasta già questo per comprendere che è solo ed esclusivamente sui virgiliani che deve pesare l’importanza del match e non certo sulle assenze dei biancazzurri. Inevitabile poi che radioline, smartphone e tablet siano sintonizzati su Rimini e Porto Tolle visto che un buon trenta percento di una promozione anticipata passa anche da questi campi: se la Torres perde a Rimini e in Veneto non si andrà oltre il pari, i biancazzurri saliranno al piano di sopra a prescindere dal finale del ‘Martelli’ per via dello scontro diretto previsto proprio tra la Torres e il Mantova tra sette giorni. Il meteo, intanto, potrebbe condizionare e non poco l’incontro: è prevista forte pioggia per tutta la durata del match, e questo non aiuta di certo chi la partita la dovrà fare. E non è la SPAL.
Dal campo: assenze a parte, Gadda medita di confermare le due punte consapevole che il Mantova un gol a partita lo fa (ma lo subisce anche). Appare difficile, quindi, ipotizzare di potersi affidare al solo Cozzolino per una gara attendista che presterebbe il fianco alle bocche da fuoco biancorosse. Toccherà a Falomi e, per una domenica almeno, si ricomporrà il tandem delle meraviglie della Pro Patria (21 centri in due la scorsa stagione). Più Berretti di Arrigoni sulla linea dei centrocampisti, almeno all’inizio; più Silvestri di Paloni al fianco di Lebran e Giani in difesa proprio come visto nell’occasione dell’amichevole di metà settimana a Sant’Agostino dove in grande spolvero è parso, tra gli altri, anche Jurgen Pandiani che dovrebbe finire almeno nei diciotto. Da non escludere il 433 ma solo a gara in corso con Lazzari alzato a destra e Fantoni arretrato sulla linea difensiva: molto dipenderà da quale sarà l’assetto degli avversari e, soprattutto, da quale piega prenderà la partita ma è naturale che a ‘Manuelito’ si chiederà una partita di grande accortezza tattica e sacrificio visto che da quella parte agirà un certo Floriano. Al seguito previsti almeno 300 tifosi.

cartellini arbitroLA TERNA – Sarà Andrea Morreale di Roma 1 il direttore di gara designato per questa importantissima sfida: nato il 10 luglio del 1985 a Tarquinia (Viterbo), si tratta di un terzo anno giunto alla sua quarantanovesima direzione in carriera. Ha diretto 19 partite in C1 e 29 in C2 con 18 segni 1, 11 segni X e 19 segni 2; quest’anno è sceso in campo 18 volte (11 in Prima divisione e 7 in Seconda con 5 segni 1, 6 segni X e 7 segni 2, 3 rigori decretati e 7 espulsioni comminate) arbitrando il Mantova nella disastrosa trasferta di Rimini (4 a 1) dell’anno scorso E’ all’esordio assoluto con i colori di casa nostra (ma la Giacomense con lui si impose 2 a 0 ad Alessandria lo scorso campionato sotto una fitta nevicata con il primo gol, tra l’altro, siglato da Personé su assist di Landi). Gli assistenti saranno Francesco Semperboni di Bergamo e Fausto Rugini di Siena.

33a giornata. Mantova, Stadio “Danilo MARTELLI”, domenica 27 aprile. Ore 15.

LE PROBABILI FORMAZIONI:

MANTOVA (4231): 1 Festa, 2 Cardin (Pondaco), 5 Bini, 6 Olivi, 3 Donazzan; 4 Spinale (Creati), 8 Quadri; 11 De Respinis, 10 Fortunato, 7 Floriano; 9 Fioretti (Masini). A disp: 12 Bavena, 13 Creati (Spinale), 14 Rickler Del Mare, 15 Pondaco (Cardin), 16 Uliano, 17 Cavagna, 18 Masini (Fioretti). All: C. Sabatini.

SPAL (532): 1 Menegatti; 7 Lazzari, 2 Silvestri, 5 Lebran, 6 Giani, 3 Fantoni; 8 Landi, 4 Capellupo, 11 Berretti (Arrigoni); 9 Falomi, 10 Cozzolino. A disp.: 12 Coletta, 13 Paloni, 14 Braiati (Vita), 15 Di Quinzio, 16 Arrigoni (Berretti), 17 Pandiani, 18 Personé. All. M. Gadda.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0