Anche una rappresentanza biancazzurra alla serata teatrale della Città del Ragazzo

Si è tenuto all’Istituto Don Calabria-Città del Ragazzo il consueto appuntamento annuale dedicato alle rappresentazioni dei gruppi teatrali della scuola. Tante le personalità che hanno voluto presenziare all’appuntamento, dal sindaco Tiziano Tagliani all’assessore provinciale Caterina Ferri, oltre, ovviamente, al direttore dell’istituto Giuseppe Sarti che ha fatto gli onori di casa. Immancabile, come in ogni edizione, la rappresentanza spallina, nelle persone del medico sociale Raffaella Giagnorio e del patron Simone Colombarini, a cui è stato fatto dono di un quadro a collage composto da tutti i titoli di giornale relativi a tutte le giornate di campionato dell’intensa stagione sportiva appena terminata.

citta del ragazzo-Colombarini

Ospite per l’occasione anche Paolino Rossi, grande ex biancazzurro e volontario presso la struttura. Rossi ha speso l’ultima stagione in forza al Santarcangelo, chiudendo in bellezza con la promozione in Lega Pro Unica. Purtroppo quella appena chiusa è anche stata la sua ultima annata da calciatore professionista: il centrocampista infatti appenderà le scarpe al chiodo a causa dei continui problemi fisici. Per lui potrebbe forse iniziare già dalla stagione prossima un nuovo percorso proprio all’interno del settore giovanile della società romagnola.

A fare da contorno alle due intense rappresentazioni dei disabili del gruppo Perez e dei ragazzi della formazione primaria ci sono stati un ricco buffet e la presentazione del libro “Città del Ragazzo – voci e sguardi in cammino”, scritto da Camilla Ghedini, che raccoglie racconti e sensazioni sulla storia dell’Istituto stesso. Il ricavato dalla vendita del volume verrà devoluto a favore della cura del piccolo Pietro, iniziativa a cui anche la stessa SPAL ha partecipato e contribuirà di nuovo con la partita di beneficenza che si terrà venerdì sera a Migliarino, e dove potrebbe scendere in campo anche lo stesso patron Colombarini. “Una serata emozionante, come ogni volta”, ha detto infine Nino D’Ambola, uno degli organizzatori di questo evento che ancora una volta ha dato l’occasione ai bravi attori di questi laboratori artistici di mostrare ad una vera platea il frutto del loro duro e bellissimo lavoro.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0