Mi presento, sono Criss: il primo acquisto della SPAL è Miglietta

Il nome di battesimo è di quelli impegnativi. Così per evitare problemi Crocefisso Miglietta consiglia fin da subito a tutti di chiamarlo Criss, come d’altra parte fanno già tutti quelli che lo hanno conosciuto. Centrocampista classe 1981, Miglietta è il primo acquisto ufficiale della SPAL per la stagione 2014-2015. E’ stato presentato con una breve conferenza stampa negli uffici di via Copparo. Capelli lunghi e abbronzatura d’ordinanza, il giocatore nativo di San Pietro Vernotico (Brindisi) ha firmato un contratto biennale dopo aver concluso un’esperienza di tre stagioni (di cui due da titolare in serie B) alla Ternana.

Il nome di Miglietta in chiave SPAL era già circolato nello scorso mese di gennaio. Un particolare confermato dallo stesso giocatore: “Sì, c’erano stati dei contatti, ma ho deciso di chiudere la mia esperienza a Terni nonostante fossi consapevole che non sarei stato confermato. Scendere di categoria comunque non è affatto un problema vista l’importanza di una piazza come Ferrara”. Centrocampista di grande versatilità, in grado sia di difendere sia di impostare, Miglietta arriva in biancazzurro con la fama del tipo carismatico: “Spetta agli altri definirmi, di sicuro sono un giocatore di temperamento che non molla mai. Intendo conquistarmi la considerazione non a parole, ma lavorando duro e dando l’esempio ai compagni”. Nemmeno le possibili pressioni di una tifoseria ambiziosa sembrano preoccuparlo: “Per quanto mi riguarda può solo essere un bene che ci siano degli obiettivi e della pressione, aiutano a dare sempre il meglio. Mi è stato detto che sarà un anno di transizione e che l’obiettivo è quello di salvarsi più in fretta possibile, e credo potremo toglierci delle belle soddisfazioni”. Nello spogliatoio spallino Miglietta ritroverà Samuele Sereni, con cui ha condiviso la militanza nell’Arezzo stagione 2008-2009.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0