Gioventù e idee chiare: da Monza ecco Mattia Finotto

Non sarà lui l’erede di Varricchio, anche se i gol li sa fare e dice di poterne fare anche qualcuno in più rispetto agli otto firmati nello scorso campionato. Mattia Finotto, ventunenne trevigiano, è il secondo innesto stagionale per il nuovo attacco biancazzurro, dopo la giovane promessa Pierandrei. Finotto era in scadenza di contratto con il Monza, squadra con cui ha trascorso le ultime due stagioni in Seconda Divisione. Ha firmato un contratto triennale, segno evidente di un investimento a lungo termine da parte della società del presidente Mattioli. Così il ds Vagnati al momento della presentazione: “Mattia è un giocatore di grande prospettiva ma che può già dare un grande contributo nel presente. Si tratta di un’attaccante abbastanza completo che può crescere molto lavorando con mister Brevi”.

Finotto campoFinotto è cresciuto calcisticamente tra i dilettanti dell’Ardita Quartier del Piave, con cui ha debuttato nel campionato di Eccellenza Veneto nel 2010-2011. L’ottima stagione da 24 partite e 10 gol gli vale un contratto professionistico con la Sambonifacese. In rossoblu mette a segno solo tre gol nell’ambito di una stagione che segna la retrocessione della squadra veronese. Finotto però ha diversi estimatori, tra cui il Monza che lo sceglie per il proprio attacco: 10 gol nella prima stagione, 8 in quella chiusa da poco, di cui una anche alla SPAL nella gara del 12 gennaio allo stadio Brianteo (2-2 il finale).

Per il giovane attaccante sono due i fattori principali che hanno pesato sulla decisione di unirsi alla SPAL : “La decisione con cui mi ha cercato il direttore Vagnati e l’importanza della squadra. Quando mi è stato detto dell’interesse della SPAL non ho potuto dire di no. Anche perché ricordo il pubblico che c’era nella gara d’andata e sono rimasto impressionato”. Nonostante sia alto 184 centimetri, Finotto non si sente un centravanti: “Mi trovo più a mio agio da mezzapunta o esterno d’attacco, anche se vedo abbastanza bene la porta. Quest’anno ho fatto otto gol, ma avrei potuto farne qualcuno in più” ha detto sorridendo con la maglia biancazzurra addosso. “Il contratto che mi è stato fatto – ha continuato – dimostra che la società crede molto in me e io farò di tutto per ripagare la sua fiducia. Non vedo l’ora di iniziare questa avventura”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0