Tutto pronto per la festa della Curva Ovest: appuntamento sabato al Mazza

Sabato 28 giugno, lo Stadio “Paolo Mazza” si colorerà del biancazzurro dei tifosi della curva che ogni domenica incitano cori e tifano SPAL dal loro storico settore. Una festa che servirà a consacrare non solamente il forte legame nato con la società spallina dei patron Colombaini e del presidente Mattioli, ma anche per festeggiare i 40 anni di tifo, ricordati lo scorso 9 marzo nella gara casalinga contro il Rimini.
Per presentare questo avvenimento, che mancava da anni a Ferrara, il numero uno biancazzurro insieme ad alcuni rappresentanti dei ragazzi della Curva, nonché organizzatori della giornata, hanno indetto una conferenza stampa al Centro di via Copparo per raccontare sensazioni e momenti di questa vigilia. “Sarà la festa di tutti i tifosi” ha detto il presidente Mattioli in sede di introduzione. “La festa non era più organizzata da anni e la ripresa è un bel segnale per noi e per i tifosi. In questa giornata, si parlerà esclusivamente di loro e di SPAL. L´idea è nata dai ragazzi della Curva ed ha avuto subito l’appoggio della società e del Comune. Spero possa partecipare tantissima gente”. Poi, la parola è andata direttamente agli organizzatori attraverso il dettaglio di Marcello Zappaterra. “Abbiamo pensato a quest´iniziativa nel febbraio scorso – ha detto Zappaterra – e alla domanda presentata al presidente, vi è stata la sua immediata disponibilità. Pensavamo di realizzare un evento sottotono, ma nella realtà la collaborazione avuta da parte della società ha permesso l’organizzazione di una grande festa”.
La giornata prenderà il via alle 10 col torneo di calcetto a cinque giocatori dove saranno presenti 16 formazioni composte esclusivamente da tifosi della Curva. Sul manto del “Mazza” sono stati allestiti tre campi dove si svolgerà il torneo. Nella parte fuori dal rettangolo di gioco sono stati allestiti diversi stand: un bar, un punto ristoro enogastronomico gestito dai proprietari di Osteria Bassotti che sarà aperto con orario continuato fino alla cena serale, uno dedicato alle attività collaterali. In quest’ultimo, sarà presente una mostra storica dedicata al tifo ferrarese dal 1974 ai giorni nostri, con bandiere, foto, sciarpe e materiale d´epoca. Il torneo di calcio a cinque si chiuderà alle ore 17 con le premiazioni, dando spazio mezzora più tardi ad un dibattito dedicato alla tessera del tifoso e all’articolo 9. Oltre ai gonfiabili per i bambini, la serata proseguirà dopo cena con musica fino a mezzanotte. “Durante la giornata – ha proseguito Zappaterra – sarà organizzata una lotteria con premi prettamente spallini, il cui ricavato andrà in beneficenza alla famiglia di Pietro, il bambino di Migliarino già aiutato da SPAL a maggio. Inoltre, il ricavato dalla festa servirà per coprire le spese e le attività di Curva dedicate ai biancazzurri. Una parte di questo ricavato sarà versato agli alluvionati di Senigallia, grazie anche alla presenza dei tifosi anconetani con cui siamo gemellati”. Oltre al presidente Mattioli, la festa sarà seguita dai proprietari della SPAL, Simone e Francesco Colombarini.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0