Enorme successo per la festa della curva, tra ricordi e nuove ambizioni

“Anche solo fino l’anno scorso una cosa del genere, così bella, così partecipata, non riuscivi neanche a immaginarla” dice un amico guardandosi intorno, “eppure la gente è sempre quella, da anni. Era la situazione, il clima, tutta una serie di cose. Non so, oggi è tutto diverso, finalmente”. Il nuovo e ritrovato entusiasmo intorno alla SPAL, che abbiamo visto crescere durante l’anno durante il percorso, non sempre liscio, della promozione della squadra nella nuova Lega Pro unica ha avuto sabato la sua manifestazione più bella ed importante con la Festa della Curva Ovest, tenutasi per tutta la giornata, dalla mattina fino a tarda notte, proprio sul terreno di gioco dello stadio “Paolo Mazza”, il tempio del calcio biancoazzurro.

festa spal_0032

Una grande festa con tornei di calcetto, stage per musica dal vivo, area per bambini, una bancarella con gadget e un grande stand gastronomico, il tutto dedicato a chi semplicemente tifa SPAL, e vuole condividere questa passione. Un richiamo a cui hanno risposto davvero in tanti, per stare insieme, divertirsi e incontrare la dirigenza, che proprio in questi giorni è al lavoro per la costruzione della prossima stagione. Un abbraccio fortissimo quello tra la società e il popolo spallino che è sfociato in applausi, cori e strette di mano tra chi, con uno sforzo organizzativo e lavorativo davvero importante, ha costruito e questo evento, chi via ha partecipato in massa, e chi, sostanzialmente, durante l’anno ha fornito il motivo per festeggiare. “Un presidente, c’è solo un presidente!”, è il coro dedicato a Walter Mattioli, vero beniamino della tifoseria. Fa fatica, il ‘Pres’, a nascondere il sua gioia e la sua emozione, e nemmeno a motivo di farlo. Cammina ad un palmo da terra mentre  raggiunge il palco per salutare tutti, raccontare le ultime novità, ma soprattutto ringraziare, ringraziare sentitamente. Ovviamente non poteva mancare anche la famiglia Colombarini. Più sottotraccia forse, com’è nel loro stile, ma sempre vicini ai tifosi come tutta la stagione passata, e anche oggi ricercatissimi da pubblico. E come si fa a passare inosservati in una folla che ti cerca per vederti finalmente da vicino, scambiare una battuta, dare una pacca sulla spalla a chi è finalmente riuscito a convincerti a tornare allo stadio.

festa spal_0042

Il tema principale del ritrovo però è stato il tifo e i suoi protagonisti, con il loro calore, la loro carica, e la loro voglia di celebrare insieme la passione che li unisce; come per il rinnovo del gemellaggio, già consolidato, con la tifoseria dell’Ancona, oppure il dibattito sulle normative per il tifo negli stadi, tornato in auge dopo la decisione della “Ovest” di tornare a seguire la squadra anche in trasferta per la prossima stagione,  e lo spettacolo delle torce fumogene accese all’ombra della grande curva completamente coperta dal grandissimo bandierone con l’ovetto, e tappezzata dagli striscioni dei vari gruppi storici. E infine la passeggiata nel passato con la bellissima mostra fotografica e di cimeli che racconta più di vent’anni di curve gremite e tifo scatenato al seguito della SPAL. “Qui c’ero” dice un papà al figlio e ai suoi amici indicando una delle tante fotografie dagli anni ottanta ad oggi, “e qui!” indicandone un’altra, “e anche qui!”. Tanti bellissimi ricordi, e tanta voglia e tanto impegno per averne di nuovi ancora più belli, nel nuovo corso del tifo biancoazzurro.

festa spal_0056

foto di Fabrizio De Simone

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0