Esordio col botto: apre Bulevardi, Scarpi mette la ciliegina in pieno recupero

Inizia con una vittoria sofferta, ma sicuramente meritata, il campionato della Berretti biancazzurra, che si impone al 93′ sui pari età del Pordenone al “Benito Villani” di Masi Torello. La SPAL ha avuto il solo torto di non concretizzare le diverse occasioni create, finendo per rischiare, seppur in una sola occasione nella ripresa, di essere beffata.

Assenti Fortini e Concas in mezzo al campo, oltre a Milan in difesa, mister Varricchio presenta due novità rispetto alla formazione attesa alla vigilia, ovvero Bellemo, prestato dalla prima squadra, al fianco di Atzori a centrocampo, e la presenza di Rolfini sulla trequarti, che non giocava da circa un mese per infortunio. Il Pordenone si schierava in maniera speculare, con il 4-2-3-1, e cercava di sfruttare la velocità di Perfetto sulla destra.

Dopo un botta e risposta nei primi minuti, in cui sembrava aver iniziato la squadra ospite, è la SPAL a portarsi in vantaggio al 6′ con Bulevardi che taglia bene alla spalle della difesa e di destro capitalizza al meglio la gran palla servitagli da Rolfini. La partita è bella, con grande ritmo e agonismo, favorito anche da un arbitraggio un po’ all’inglese del signor Negrelli di Finale Emilia. Al 16′, però, su un tiro dal limite sbagliato, la palla arriva sui piedi di Perfetto che, solo davanti a Ranieri, lo infila e firma l’1-1. La SPAL soffre dietro sulle seconde palle che nascono dalle respinte dei suoi difensori, ma davanti crea occasioni con un certa facilità. Al 23′ è Laquaglia a sfiorare il vantaggio di testa su calcio d’angolo, con Verri che mette in calcio d’angolo. Al 40′ magia di Utzeri che trova l’ennesimo taglio alle spalle della linea difensiva friulana di Bulevardi che però, stavolta, è meno freddo e colpisce in pieno il portiere avversario.

Nella ripresa mister Baruzzo cambia leggermente l’assetto in campo dei suoi, proteggendo la zona davanti ai difensori centrali con l’arretramento di Baruzzini in mezzo a Bianchini e Minisini, per quello che diventa un classico 4-3-3. La partita scende un po’ di tono e, per la prima mezzora del secondo tempo, non succede praticamente nulla. Una noia che però viene decisamente compensata con le emozioni del quarto d’ora finale, in cui anche Negrelli di Finale Emilia diventa protagonista dell’incontro, con decisioni peraltro non facili da prendere. Al 76′ Sorrentino pasticcia al limite dell’area biancazzurra e, dopo una serie di rimpalli, De Gregorio calcia verso la porta, ma Ranieri è bravo a respingere di pugno. Quattro minuti dopo, questa volta nell’area friulana, serie di batti e ribatti, con Tulissi che prova ad appoggiare indietro al portiere di testa, ma quasi finisce per beffarlo, colpendo la traversa. All’84’ azione personale in contropiede del neo-entrato Andrea Farina che appoggia al limite dell’area per Bulevardi, il quale calcia di sinistro ma tra le braccia del portiere. La stanchezza si sente, le squadre sono lunghe e farne le spese all’85’ è Nava ammonito per la seconda volta dopo aver trattenuto Guerra lanciato a rete; sulla punizione Baruzzini impegna Ranieri. La parità numerica viene però subito ristabilita un minuto dopo, quando Bignucolo interviene duramente sulla trequarti ai danni di Atzori.
L’ultimo episodio discusso, ma sicuramente quello decisivo, avviene al 92′ quando Verri, in vantaggio, cade su De Martino in area; per Negrelli è rigore, tra le proteste degli ospiti e, dal dischetto, Scarpi non sbaglia, regalando ai suoi la prima vittoria stagionale.

S.P.A.L.-PORDENONE 2–1 (1-1)

S.P.A.L. (4231): Ranieri; Nava, Curci (dal 21′ p.t. Sorrentino), Laquaglia, Ambrosini; Bellemo, Atzori; Rolfini (dal 14′ s.t. De Martino), Utzeri (dal 33′ s.t. Farina Andrea), Scarpi; Bulevardi. A disp. Farina Matteo, Merighi, Berto, Pivelli. All.: M. Varricchio.

PORDENONE (4231): Verri; Di Bon, Tulissi, Zanata, Bignucolo; Minisini, Bianchini; Perfetto (dal 26′ s.t. Cavaliere), Baruzzini, Pignata (dal 19′ s.t. Guerra); De Gregorio (dal 42′ s.t. Endrigo). A disp. Indovina, Di Salvo, Miani, Donà. All. Baruzzo.

ARBITRO: Sig. Negrelli di Finale Emilia (Assistenti Sig.ri Ghidoni e Braghiroli di Finale Emilia)
MARCATORI: 6′ p.t. Bulevardi (S), 16′ p.t. Perfetto (P), 48′ s.t. Scarpi (S) su rig..
ESPULSI: Nava (S) al 40′ s.t. per doppia ammonizione; Bignucolo (P) al 41′ s.t. per gioco violento.
AMMONITI: Atzori (S), Laquaglia (S), Baruzzini (P), Bianchini (P), Utzeri (S).
NOTE: pomeriggio caldo, terreno in buone condizioni. Spettatori 100 circa. Angoli: 7 a 3 per la Spal. Recupero: pt 1’ st 6’.

POST PARTITA
Massimiliano Varricchio (allenatore SPAL)

Mister che vittoria è stata quella di oggi?
“E’ stata una vittoria sicuramente meritata, in una partita che potevamo sbloccare prima, segnando il 2-1; però mi è piaciuta ed è ancora più bella, perché i ragazzi ci hanno creduto fino all’ultimo secondo, e proprio De Martino, che avevo messo dentro prima, si è andato a procurare un rigore su una palla quasi ormai insperata che ci ha permesso di vincere.”

Non possiamo non parlare delle decisioni dell’arbitro: dalle espulsioni di Nava e Bignucolo al rigore di Verri su De Martino. Qual è la tua opinione su ognuna di esse?
“Sinceramente non saprei. In quelle che ho visto reputo abbia scelto bene. Perché su Nava probabilmente c’è stato un mezzo fallo, l’arbitro non l’ha visto e di conseguenza gli ha dato l’altro giallo; per quanto riguarda il loro ragazzo, ha fatto un’entrata molto brutta su Atzori e ci poteva stare l’espulsione. Sul rigore, invece, può darsi che ci sia anche qualche dubbio onestamente, ma da qui per me è difficile giudicare. Ci tengo però a ribadire che, al di là degli episodi, è stata una vittoria meritata, perché prima abbiamo avuto almeno tre occasioni nitide, due con lo stesso Bulevardi, oltre a un palo.”

Come stanno i giocatori sostituiti?
“L’unico a essersi infortunato è Curci, che è uscito per una distorsione alla caviglia, mentre Rolfini era stanco, visto che siamo riusciti a recuperarlo in quest’ultima settimana, ma dopo un’ora non ne poteva più.”

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0