Voci del dopo-partita: Simone Colombarini, Giorgio Capece, Caio De Cenco

Al termine della gara vinta dalla Spal contro l’Ascoli abbiamo raccolto le impressioni del patron biancazzurro Simone Colombarini, dell’attaccante Caio De Cenco e dell’ex di giornata Giorgio Capece.

Simone Colombarini
“L’emergenza in difesa ha costretto il mister ad adottare questa nuova soluzione tattica e direi che è andata molto bene, siamo stati premiati e meritatamente, anche se abbiamo rischiato qualcosina nell’ultima parte. Ma ci stava che l’Ascoli tentasse il tutto per tutto. Oggi il pubblico era quello delle grandi occasioni, ci hanno dato una grossissima mano e siamo riusciti a ripagarlo con una bella vittoria. Finalmente abbiamo visto anche una squadra ospite molto seguita e la cornice complessiva del pubblico era veramente bella e spettacolare. De Cenco? E’ un giocatore con delle grandissime potenzialità, lo conosciamo, è molto veloce e bravo anche con i piedi e sicuramente sarà molto utile nel proseguo del campionato”.

Giorgio Capece
“Avevo già fatto qualche volta il difensore in situazioni di emergenza. Con il mister abbiamo provato la posizione negli ultimi due allenamenti e credo sia andata molto bene. Siamo stati tutti molto concentrati, abbiamo fatto una grande partita complessivamente e siamo davvero contentissimi perchè sappiamo di aver meritato. Oggi era davvero importante fare i tre punti, sono felice perchè l’abbiamo fatto da grande squadra visto che anche chi è entrato dalla panchina ha dato un contributo decisivo. Ora pensiamo già alla prossima partita. Rivincita particolare contro l’Ascoli? No assolutamente no. Per me giocare e vincere con Pisa, Ascoli o qualsiasi altra squadra è la stessa cosa, l’importante è fare i tre punti. Anzi, auguro a loro le migliori cose”.

Caio De Cenco
“Ci tenevo a fare bene nella mia prima in casa davanti a questi bei tifosi. Ho avuto diverse occasioni, peccato non sia entrata. Ma l’importante è che la squadra faccia i tre punti. Nel complesso oggi siamo partiti bene e ci abbiamo messo la giusta determinazione. D’altra parte il lavoro paga: in settimana ci siamo preparati al meglio e abbiamo ottenuto un successo meritato. Un posto da titolare? Eh, non sta a me dirlo. Quello che posso fare è cercare di mettere in difficoltà il mister durante gli allenamenti”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0