Un gol di Scarpi e tanto carattere regalano la vittoria contro il Sudtirol

La Berretti volta subito pagina dopo la pesante sconfitta della settimana scorsa contro l’Inter e grazie a un gol di Scarpi piega il Sudtirol al “Villani”. Una vittoria che i ragazzi di mister Varricchio hanno ottenuto con una prestazione prima di tutto di grande carattere e che poteva essere anche più rotonda, se non ci fossero stati i soliti errori sotto porta. Dall’altra parte il Sudtirol ha confermato le difficoltà delle ultime partite, creando davvero pochi pericoli dalla parti di Ranieri.

Mister Varricchio ridisegna i suoi rispetto all’ultima partita: si torna al 4-2-3-1 di inizio stagione, con capitan Nava nuovamente disponibile nel ruolo di terzino destro, Concas al fianco di Atzori in mediana a fare le veci dell’infortunato Fortini e Berto sulla destra nella linea dei tre trequartisti alle spalle di Bulevardi. I biancazzurri partono a mille, decisi a sbloccare subito l’incontro e già dopo quattro minuti arriva gol, con Scarpi che non può sbagliare a porta vuota sull’assist di Utzeri, trovato molto bene in verticale da Berto. Non passano nemmeno due minuti e, su un’azione pressoché identica, stavolta il numero undici non arriva in tempo. La SPAL rifiata dopo il notevole sforzo iniziale e si abbassa, anche per sfruttare al meglio i suoi giocatori offensivi, solitamente molto pericolosi con spazio a loro disposizione; il Sudtirol si trova così a dover fare la partita, ma è un possesso di palla molto sterile, con le uniche occasioni che arrivano su tiri dalla distanza di Melchiori al 39′ e di Majdi al 44′.

La ripresa inizia con una bella punizione di Melchiori dopo cinque minuti, sulla quale Ranieri deve impegnarsi per allungare il pallone in calcio d’angolo. I biancazzurri rispondono pochi minuti con una conclusione dalla venti metri di Atzori parata da Taibon. Al 57′, sempre da molto lontano e da posizione defilata ci prova anche Utzeri, con il suo tiro che rischia di sorprendere il portiere altoatesino. Nella SPAL entra Farina al posto dell’esausto Berto e, proprio su una palla recuperata da quest’ultimo in area, Utzeri con un rasoterra dal limite scalda nuovamente le mani a Taibon. I botta e risposta si susseguono e, al 65′, su un cross di Kuen che attraversa tutta l’area nessun attaccante tirolese è lesto a intervenire. L’undici di Varricchio fatica a ripartire e quando ci riesce i suoi attaccanti lasciano spesso a desiderare o sbagliando il controllo decisivo o la scelta più opportuna, con Bulevardi che a cavallo tra il 70′ e il 75′ si divora due ghiotte palle gol. Il Sudtirol prova il tutto per tutto, passando dal 4-3-3 a un più sbilanciato 4-2-4, ma continua a impensierire Ranieri solo da lontano, questa volta con una conclusione di Blasbichler all’84. Mister Varricchio inserisce anche Merighi in mediana per dare forza al centrocampo nei minuti finali e proprio il giovane difensore biancazzurro è sfortunatissimo al 41′ con un rasoterra dal limite dell’area che colpisce il palo interno senza però finire in rete. L’ultima emozione della partita la regala una bella conclusione sempre dalla distanza di Kofler che esce vicino all’incrocio dei pali.

S.P.A.L.-SUDTIROL 1–0 (1-0)

S.P.A.L. (4231): Ranieri; Nava, Laquaglia, Sorrentino, Ambrosini; Concas, Atzori; Berto (dal 15′ s.t. Farina), Utzeri (dal 40′ s.t. Merighi), Scarpi (dal 22′ s.t. Rolfini); Bulevardi. A disp. Anselmi, De Martino, Pivelli, Mantovani. All.: M. Varricchio.

SUDITIROL (433): Taibon; Danieli, Breglia, Fusari, Demetz (dal 22′ s.t. Kofler); Paoli (dal 1′ s.t. Munerati), Gasser D. (dal 24′ p.t. Blasbichler), Melchiori; Kuen. Gasser M., Majdi. A disp. Holzknecht, Rella, Ventura, Gennaccaro. All. M. Caliari.

ARBITRO: Sig. Santillozzi di Ravenna (Assistenti Sig.ri Ajdinosvki e Elezi di Ravenna)
MARCATORI: 4′ p.t. Scarpi (SP).
AMMONITI: Berto (SP), Demetz (SU), Concas (SP), Atzori (SP), Blasbichler (SU), Majdi (SU), Nava (SP), Bulevardi (SP), Ambrosini (SP), Fusari (SU).
NOTE: pomeriggio umido, con cielo coperto, terreno in discrete condizioni. Spettatori 50 circa. Angoli: 3 a 1 per la Spal. Recupero: pt 2’ st 5’.

POST PARTITA
Max Varricchio 

Mister possiamo dire che la Spal, almeno a livello mentale, ha cancellato il 6-1 subito a Milano la settimana scorsa?
“Sì, oggi è stata una partita molto combattuta. Avevamo chiesto ai ragazzi una reazione dopo che a Milano, pur partendo bene, il loro uno-due ci aveva tagliato gambe, infatti da quel momento in poi siamo crollati mentalmente. Oggi contavano prima di tutto la rabbia, l’agonismo, mentre la tecnica era in secondo piano. Sono davvero contento ed è forse la volta in cui mi rispecchio maggiormente nella prestazione dei miei ragazzi che hanno lottato su ogni pallone e avrei fatto loro i complimenti anche se avessimo pareggiato. Ora però bisogna esser bravi a portar avanti questo atteggiamento”.

Come al solito avete creato molte occasioni, ma oggi è sembrata una squadra un po’ in affanno dal punto di vista fisico.
“Penso che abbiamo speso tanto per andare a aggredire inizialmente e, volta andati in vantaggio, ci sta anche di abbassarsi perché poi il Sudtirol lanciava palla in avanti verso le sue quattro punte, creando praticamente un uno contro uno con i nostri difensori. Quello che mi piace però è che siamo riusciti a soffrire bene, creando anche qualche occasione pericolosa ripartendo, come sul palo di Merighi”.

Nel finale ha inserito appunto Merighi in mediana anziché De Martino; quali sono i motivi di questa scelta?
“Merighi è un aggressivo, è più difensore e volevo uno che mordesse le caviglie dei portatori di palla visto che c’eravamo abbassati; inoltre ha gamba per ripartire. Voglio fargli i complimenti perché è un ragazzo che si allena sempre al 110%, senza mai dire una parola fuori posto e mi dispiace perché poteva anche raggiungere il gol”.

LINK: Risultati 8a giornata di andata
LINK: La classifica

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0