Laquaglia apre, Scarpi mette la ciliegina: la Reggiana va KO

La fortuna aiuta gli audaci. E’ quello che deve aver pensato Davide Scarpi al minuto novantadue del derby Reggiana-SPALcon il risultato inchiodato sull’1 a 1. L’ex Liventina, già decisivo una settimana fa contro il SudTirol, cambia tempi e modus operandi per colpire la Reggiana. A Masi Torello contro i tirolesi si era esibito in un guizzo da attaccante d’area nei primi minuti di gioco, mentre contro i granata è letale inventandosi un pallonetto da circa metà campo dopo un rinvio errato di Voltolini in pieno recupero. Chapeau.

Eppure la SPAL aveva provato a non ridursi all’ultimo istante per decidere la gara contro i cugini granata. Marco Laquaglia, oltre a presidiare la propria area, ha i mezzi per farsi valere anche in quelle altrui. Dopo pochi istanti di gioco, il capitano spallino riesce a farsi trovare pronto in spaccata per deviare imparabilmente alle spalle di Voltolini un tiro franco di Scarpi. La SPAL però ha il vizio di mettersi nei guai da sola. Lo stesso Laquaglia riceve un maldestro retropassaggio dai compagni di mediana e finisce nella morsa del pressing degli avanti granata che riescono ad appropriarsi della sfera fino a recapitarla a Piccinini che la deposita in fondo alla rete. Il resto della prima frazione di gioco non regala grandi emozioni, ma la Spal sembra tenere meglio il campo.

Nella ripresa, la Reggiana, forse anche grazie al primo confronto da intervallo con il nuovo tecnico Giuseppe Manari, entra in campo con maggior determinazione e mette alle corde i biancazzurri. La squadra soffre, resiste, ma non cade e anzi prova a pungere. Sulla destra, la miglior manovra della giornata trova Berto libero di andare al cross, ma Bulevardi, pur impattando bene, non inquadra lo specchio. Poco dopo anche Baldon da buona posizione non impensierisce Voltolini. Paura per l’attaccante Andrea Baldon quando dopo una botta al capo deve abbandonare il terreno di gioco. La giovane punta è stato trasferito in ospedale per accertamenti, ma al momento le sue condizioni non destano preoccupazioni. Nei minuti di recupero, Scarpi estrae dal cilindro il gol partita e consegna ai colori biancazzurri il derby.

Soddisfatto mister Varricchio al termine dei novanta minuti: “La Reggiana ha cambiato atteggiamento tattico con il nuovo mister. Ci aspettavamo un 4-3-3 e invece si sono presentati con il trequartista. I nostri centrali di centrocampo si sono trovati ad occuparsi anche del fantasista e spesso in mezzo eravamo in inferiorità numerica soffrendo molto soprattutto nel secondo tempo, mentre nel primo la partita era stata abbastanza equilibrata. Mi è piaciuta la capacità di soffrire e allo stesso tempo di non rischiare tantissimo. I ragazzi hanno dimostrato anche determinazione e la voglia di crederci sempre, fino alla fine. Dal punto di vista del gioco, però, un passo indietro rispetto alla gara con il SudTirol, merito, ripeto, anche degli avversari”.

REGGIANA-SPAL 1-2 (1-1)

REGGIANA: Voltolini, Tondini (dal 40’s.t. Ferrara), Gueye, Ferrari, Moretti, Miglionico, Marchi (dal 17’s.t. Parmigiani), Barilli, Guillari, Ceccarelli (dal 47’s.t. Cortellazzi), Piccinini. A disp.: Vergine, Saracino, Fontana, Durante. All.: Manari.
SPAL: Ranieri, Nava (dal 27’s.t. Farina), Ambrosini, Atzori, Laquaglia, Sorrentino, Berto (dal 40’s.t. Milan), Concas, Bulevardi, Scarpi, Baldon (dal 17’s.t. Merighi). A disp.: Anselmi, Curci, De Martino, Pivelli. All.: Varricchio.

ARBITRO: sig. Fecheta di Faenza
RETI: 1’Laquaglia (S), 12’Piccinini (R), 92’Scarpi (S).
AMMONITI: Barilli (R), Moretti (R), Nava (S), Bulevardi (S), Scarpi (S).

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0