Gasparetto prepara il rientro e Landi chiede tranquillità all’ambiente spallino

Si sta facendo notte” cantava Renato Zero nel 1999. E’ quello che devono aver pensato i giocatori spallini dopo il rigore (ripetuto) calciato da Germinale nel corso della partitella al termine della seduta pomeridiana d’allenamento. E’ buio quando l’allenatore manda tutti negli spogliatoi. La squadra ha lavorato al completo con i giovani Bellemo e Rosina che hanno svolto lavoro differenziato per aver giocato con la Berretti contro il Milan. Provata la difesa a cinque con Lazzari a destra e al centro il rientrante Daniele Gasparetto. Per domani unico allenamento alle 11 del mattino.

RIECCO GASPARETTO- Tra le novità nell’undici contro il Pisa potrebbe esserci Daniele Gasparetto. Dopo due mesi di assenza dai campi (l’ultima apparizione in biancazzurro dell’ex Cittadella è datata 21 settembre nella vittoria con l’attuale capolista Ascoli), il difensore veneto prenota una maglia da titolare contro i toscani ed esonera il compagno Giorgio Capece da ruoli difensivi: “Giorgio è stato molto bravo ad adattarsi in un ruolo che non è il suo e ha fatto molto bene considerando che è stato anche uno degli ultimi ad arrivare in gruppo”.
Due mesi lontano dal terreno di gioco non sono una novità purtroppo per il ventiseienne nativo di Montebelluna: “E’ dura stare fuori, ma purtroppo mi è già capitato in carriera. Anzi, con l’altro ginocchio sono stato fermo un anno dal gennaio 2009 quand’ero al Modena al gennaio 2010 al Padova. Gli infortuni fanno parte del mestiere. Ma adesso sto bene. Non so quantificare a livello di percentuali, forse non al 100%, ma sono a disposizione e pronto a far bene e al servizio della squadra, poi deciderà il mister. Ho sensazioni positive anche nei contrasti. Ero a disposizione anche a Forlì. Cambio modulo per la mia assenza? Non lo so, qui ci sono giocatori in grado di giocare sia a quattro che a cinque in difesa. Io stesso ho ricoperto tutti e tre i ruoli di centrale difensivo e nel Cittadella ho fatto il terzino”.
Dalla panchina ha assistito alla sconfitta con il Forlì: “Forse eravamo inizialmente un po’ contratti, ma nella ripresa fino all’espulsione stavamo facendo meglio. Anche contro l’Ancona in dieci abbiamo fatto un ottimo secondo tempo. A volte gli episodi condizionano le partite, forse potevamo fare meglio”. E sul Pisa avverte: “Ho giocato con Stanco (a Modena) e con Arma (a Pisa). Entrambi fanno della fisicità la propria caratteristica principale. Rachid (Arma, ndr) segna di più, ma ho letto che non è al meglio. Alla vigilia il Pisa era la squadra da battere assieme all’Ascoli, poi come tutte le squadre in questo campionato ha trovato difficoltà. Sarà una gara tosta. Dovremo mettere in campo il 100% delle nostre qualità per poter ripetere la vittoria con l’Ascoli. In caso contrario sarà dura portarla a casa”.

CERCASI TRANQUILLITA’- Anche il centrocampista spallino Andrea Landi interviene al termine dell’allenamento in sala stampa: “A Forlì abbiamo cercato di fare la nostra partita. In alcuni momenti del primo tempo ci siamo riusciti, poi è arrivato il gol prima dell’intervallo, ma l’avversario non aveva mai superato la metà campo. Anche nella ripresa abbiamo cercato di reagire, ma dopo l’espulsione ci siamo sbilanciati. C’è mancata un po’ d’attenzione. Avevamo preparato la partita cercando di attaccare alti il Forlì per questo è stato scelto un centrocampo ‘di corsa’. Non abbiamo creato tante occasioni, ma avevamo fatto meglio. Ora dobbiamo star tranquilli. La partita con il Pisa si prepara da sola. Non arriva nel nostro miglior momento, ma il secondo posto non è lontano. Guardiamo alla classifica? No, ma a sentir le voci, sembra esser quello il nostro obiettivo. Noi siamo lì assieme alle altre. Anche il Pisa che sulla carta è la squadra più forte fa fatica e incontra momenti difficili. Occorre limitare la qualità che hanno”.

INAUGURAZIONE S.P.A.L. STORE- Domani pomeriggio alle 17,30 sarà inaugurato il nuovo S.P.A.L. STORE (accesso da Corso Piave dalla Tribuna centrale (lato dispari). Interverranno autorità, staff dirigenziale e giocatori della squadra biancazzurra.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0