Per chi si vuole vestire di biancazzurro da oggi c’è lo SPAL Store al Paolo Mazza

“Perché vieni a fotografare me? C’è un sacco di roba più interessante a cui fare delle foto!”. In effetti è difficile dare torto a un sempre ironico Francesco Colombarini, che anche all’inaugurazione del nuovo SPAL Store ha confermato la sua allergia ai dettagli del cerimoniale. Così l’onore del taglio del nastro con relativa fotografia da mettere in cornice è toccato al figlio Simone, decisamente più a suo agio nelle apparizioni pubbliche.

SPALStore2_SMALL

Ma più in generale è opportuno dare ragione a Colombarini padre sulla presenza di “roba interessante” nel punto vendita biancazzurro piazzato in bella mostra alla base della tribuna centrale, proprio su corso Piave. Lo SPAL Store infatti mette a disposizione capi d’abbigliamento di ogni tipo per i tifosi biancazzurri, dalle maglie da gioco alle polo di rappresentanza, fino ai gadget più comuni come sciarpe, gagliardetti e copri-sedili da stadio. Unico neo i prezzi da categoria superiore: per aggiudicarsi la maglia da gioco servono 59 euro (addirittura 90 per quella storica con i laccetti), mentre per le felpe si va dai 59 ai 25 di quella da allenamento. Per saperne di più sui prezzi dell’intero catalogo bisogna, almeno per il momento, recarsi di persona allo Store: gli acquisti online saranno infatti possibili solo dal prossimo gennaio.

IMG_4323

Oltre ai due Colombarini non hanno voluto mancare il presidente Mattioli, il ds Vagnati e una corposa rappresentanza della squadra formata da Nicolas Giani, Alessandro Bellemo, Davide Di Quinzio, Daniele Gasparetto, Tommaso Silvestri, Simone Aldrovandi, Mattia Finotto, Manuel Lazzari, Pietro Menegatti e Marco Albertoni. Assente, almeno per la parte riguardante le foto di rito, Oscar Brevi: l’allenatore però ha presenziato nei momenti precedenti al taglio del nastro.

SPALStore1_SMALL

Per quanto riguarda gli orari di apertura del negozio, non c’è ancora un quadro definitivo. Durante questa settimana sarà aperto di pomeriggio dalle 15 alle 19, e questo potrebbe essere il canovaccio generale che verrà seguito in futuro, a meno di aperture mattutine straordinarie. Gli orari definitivi verranno comunicati dall’inizio della prossima settimana.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0