Delusione doppia in casa biancazzurra, per Brevi anche il pareggio sarebbe stato stretto

Al termine della sconfitta interna con il Pisa abbiamo raccolto l’impressione del tecnico spallino Oscar Brevi e del direttore sportivo Davide Vagnati. Il presidente Walter Mattioli ha invece lasciato il Paolo Mazza subito dopo la partita, preferendo non commentare la partita.

OSCAR BREVI
“Abbiamo fatto un’ottima gara contro una squadra forte, non meritavamo assolutamente di perdere e per come vedo io il calcio ci sarebbe stato stretto anche il pareggio. Nel primo tempo abbiamo dominato, preso in mano la gara con una buona pressione, non abbiamo concesso nulla, ma per tutta la partita non siamo riusciti a concretizzare le occasioni create. Loro non hanno mai tirato in porta e perdere una partita così su una palla inattiva, su una distrazione, fa davvero molto male. Sono davvero dispiaciuto per la squadra, per i ragazzi perché non meritavamo questa sconfitta perché han dato tutto e il rammarico credo sia giustificato. Il calcio è anche questo, a volte con una situazione, con un episodio, vinci una partita e questa volta è andata così e andiamo a casa noi senza punti. Per quanto riguarda il futuro dobbiamo assolutamente staccare un attimo e riprendere a lavorare in settimana con la massima determinazione e il solito impegno che han messo fino adesso i ragazzi perché la strada secondo me è quella giusta. Il rigore di Germinale? Purtroppo a volte si sbagliano”.

DAVIDE VAGNATI
“Il rammarico per questa sconfitta è davvero tanto perché il Pisa non ha fatto nulla. Noi purtroppo facciamo fatica a segnare nonostante le azioni create che vanno nella casella del dimenticatoio a differenza dei gol che andrebbero segnati. Oggi la SPAL ha dimostrato impegno, voglia e ha giocato anche bene al calcio contro una squadra forte come il Pisa dominando sul campo. Poi abbiamo preso quel gol in quella situazione e sul rigore finale all’ultimo minuto probabilmente la palla scottava, la lucidità è venuta a mancare ed è andata a finire come tutti sappiamo. Adesso bisognerà essere bravi a ripartire soprattutto dal punto di vista psicologico perché questa è stata una bella batosta. Organico da ritoccare? Purtroppo dopo una partita del genere si fa fatica ad analizzare la rosa. Stasera prevale il rammarico perché rompe davvero tanto perdere così”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0