Le assenze non fermano la Berretti: battuto anche il San Marino, a segno Mantovani e Berto

La Berretti di Max Varricchio chiude l’anno in bellezza, regolando con il risultato di 2-1 il San Marino al “Villani” di Masi Torello. Un successo che rende grande merito ai giovani biancazzurri: nonostante alcuni di loro fossero al debutto stagionale, come Milan e Mantovani, hanno lottato e corso per tutti i novanta minuti, legittimando anche nel finale il risultato.

Guardando solamente la classifica e le statistiche delle due squadre, poteva sembrare una partita senza storia, con la SPAL reduce dalla vittoria sul campo della capolista Mantova e il San Marino che solo sabato scorso ha trovato il primo successo stagionale contro il Gubbio, al quale ha così lasciato il ruolo di fanalino di coda del torneo. La sfortuna però non ha reso più facile l’ultimo impegno pre-natalizio per i giovani ferraresi, con mister Varricchio costretto a scelte davvero obbligate per la gara odierna, vista la disponibilità di soli dieci giocatori di movimento appartenenti alla rosa della Berretti, a causa delle assenze per infortunio di Nava, Pivelli, Bulevardi, Rolfini, Utzeri e Fortini, a cui si aggiungono le squalifiche rimediate dopo l’ultimo turno di Ambrosini, Laquaglia, Concas e Atzori. Dal punto di vista tattico il tecnico biancazzurro conferma il classico 4-2-3-1, inserendo Milan nell’inedito ruolo di terzino destro, De Martino al fianco di Merighi a centrocampo e Mantovani alle spalle di Baldon.

Nei primi quindici minuti le due squadre sono un po’ timorose e pensano più a studiarsi che a sbloccare il risultato. Il gol del vantaggio del San Marino è frutto infatti di una serie di errori dei giocatori biancazzurri che, con Berto prima e Merighi poi, perdono palla vicino all’area di rigore, Mea di sinistro mette in mezzo, Ranieri non ci arriva e D’Addario di piatto insacca. Il gol incassato sveglia la SPAL che pareggia nemmeno quattro minuti dopo sugli sviluppi di un calcio di punizione, con Mantovani bravo a insaccare dopo la respinta del portiere sul bel colpo di testa di Baldon, completamente dimenticato dalla difesa ospite all’altezza del dischetto del rigore.
I ragazzi di Varricchio guadagnano campo e al 30′ impegnano ancora Renzetti che deve respingere con le gambe il tiro da fuori area di Merighi. Raddoppio che arriva al 33′ con Scarpi bravo a recuperare palla sulla trequarti e a mettere in mezzo un pallone sul quale il più lesto ad arrivare è Berto. Nel finale si vede il San Marino dalle parti di Ranieri con un bel diagonale di Giunchetti che termina a lato.

La SPAL rientra in campo nella ripresa con tutta l’intenzione di gestire sia la partita sia le forze a disposizione, e infatti nella prima metà del secondo tempo le emozioni latitano. Il primo sussulto lo si registra al 69′ con un bel tiro a giro di De Martino che finisce poco a lato. Tre minuti dopo pasticcio della difesa ospite che perde palla sulla trequarti lasciando a Baldon l’opportunità di involarsi verso la porta, ma al momento della conclusione il suo tiro viene respinto da un difensore che era riuscito a recuperare; sul calcio d’angolo seguente Sorrentino solo davanti alla porta manca clamorosamente la deviazione. Il San Marino costruisce davvero poco, ma al 79′ ha una grossa occasione con il colpo di testa di Vaccarini su calcio d’angolo che manca la porta di un niente. All’88’ una nota di colore con Renzetti che prima esce al limite dell’area per fermare un generosissimo Baldon e poi spazza via con una spettacolare rovesciata.
La SPAL potrebbe anche trovare il terzo gol al 94′ con un tiro dalla distanza di Scarpi, ma sempre Renzetti con i pugni dice di no. Ora qualche giorno di meritato riposo per i giovani biancazzurri che riprenderanno la preparazione domenica 28 dicembre.

S.P.A.L.-SAN MARINO 2–1 (2-1)

S.P.A.L. (4231): Ranieri; Milan, Curci, Sorrentino, Farina; Merighi, De Martino; Berto, Mantovani, Scarpi; Baldon. A disp. Anselmi, Yevstyunin, Boccafoglia, Dalla Vedova, Braghiroli, Ingenito, Maghini. All.: M. Varricchio.

SAN MARINO (433): Renzetti; Tardini, Vaccarini, Borghini (dal 28′ s.t. Ciaccioni), Grandoni; Censoni, Morelli, Mea (dal 1′ s.t. Tamagnini); D’Addario (dal 31′ s.t. Della Valle), Mendy, Giunchetti Luigi. A disp. Benedettini, Giardi, Giunchetti Enrico, Biserna. All. M. Papini.

ARBITRO: Sig. Pette di Bologna.
MARCATORI: 17′ p.t. D’Addario (SM), 21′ p.t. Mantovani (S), 33′ p.t. Berto (S).
ESPULSI: al 20′ s.t. mister Papini (SM) per proteste.
AMMONITI: Grandoni (SM), Baldon (S), De Martino (S), Giunchetti Luigi (SM) e D’Addario (SM).
NOTE: pomeriggio umido, con cielo coperto, terreno in cattive condizioni. Spettatori 100 circa. Angoli: 5 a 2 per la Spal. Recupero: pt 3’ st 3’.

POST PARTITA
Max Varricchio (allenatore SPAL)

Mister, cosa si può sottolineare della vittoria di oggi?
“Oggi i ragazzi sono stati grandi, perché eravamo in undici più i ragazzini degli Allievi. Non siamo partiti con la foga agonistica che avrei voluto, poi dopo il gol invece ho visto lottare e combattere su ogni pallone come voglio, anche a discapito della qualità, visto che comunque il campo era brutto. Prima di questa partita avevo detto ai ragazzi che avremmo potuto vincere solo con una prestazione al 110%, perché così rimaneggiati sapevo che sarebbe stato difficile e loro sono stati davvero bravi, come lo sono stati per altro sempre nell’ultimo periodo”.

Oggi tutti sopra la sufficienza, ma è possibile evidenziare la prestazione di qualcuno in particolare?
“In queste partite dove tutti danno tutto in campo, le menzioni vanno sempre fatte per chi ha giocato poco sino ad oggi, come Mantovani, Milan e De Martino. Poi devo sottolineare una prova super di Nicola Berto che oggi saltava gli avversari come dei birilli e merita davvero i complimenti”.

Com’è stato preparare questa partita?
“Non è stato facile, perché c’erano tanti ragazzi fuori. Ho chiesto comunque anche agli squalificati di far allenare bene i compagni, allenandosi con intensità. I ragazzi stanno maturando tanto sotto l’aspetto dell’agonismo, dell’attenzione e della voglia di fare, poi i risultati sono una diretta conseguenza di questo”.

LINK: Risultati 14a giornata di andata
LINK: La classifica

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0