A Natale gioca… con la SPAL: presentati album delle figurine e il gioco in scatola

Dopo (anzi, prima!) dell’immortale album Panini, anche la SPAL da oggi avrà il proprio album delle figurine. La precisazione tra parentesi è stata sottolineata con soddisfazione durante la conferenza stampa proprio da Giampiero Contessa, manager che si è occupato della realizzazione pratica dell’iniziativa: “Siamo riusciti ad arrivare prima della Panini, che da quanto mi risulta in questi giorni sta consegnando gli album, ma non le figurine (ride)”. La soddisfazione è tanta tra i tecnici spallini del settore giovanile che hanno contribuito in maniera massiccia al reperimenti di tutti i dati dei giocatori delle varie categorie e il pensiero unanime è andato proprio a loro, ai giovani spallini delle giovanili, che con grande soddisfazione da oggi potranno trovare nelle edicole cittadine, oltre ai quotidiani, anche loro stessi in formato adesivo. La SPAL ha pensato anche tutti quelli che, ad esempio, la sera di capodanno sono stanchi della solita tombolata aspettando la mezzanotte: un gioco di società a tema spallino è pronto a fare capolino nelle tavolate dei tifosi biancazzurri. Scherzi a parte, i dettagli? Ve li spieghiamo subito.

L’ALBUM DELLE FIGURINE – Destinato nel breve tempo a essere presente in ogni edicola, contiene gli spazi nei quali verranno posizionati oltre quattrocento adesivi relativi a tutte le categorie della famiglia spallina. Un paio di spazi integrativi sono lasciati liberi in ogni squadra per eventuali ritocchi. (“Troppo pochi per la prima squadra!” ammonisce Mattioli ridendo). Il costo? 70 centesimi a bustina, contenente ognuna sei figurine. Dalla prossima stampa, inoltre, sul retro delle figurine verranno stampati dieci buoni da usare allo SPAL store e altri sessanta da utilizzare nei diversi esercizi che hanno sponsorizzato il progetto.

IMG-20141222-WA0004

IL GIOCO IN SCATOLA – Nome ufficiale ’’Il gioco dei 100 gol’’ si tratta di un gioco in cartone in vendita esclusivamente allo SPAL Store in Corso Piave al costo (non ancora stabilito ufficialmente) di circa dieci euro. È un gioco a percorsi durante il quale i partecipanti, per arrivare alla meta, sono chiamati a rispondere a domande sul calcio e sulla SPAL. Al momento ne sono state prodotte cento copie, ma se la diffusione sarà come quella sperata, ne verranno ovviamente prodotte altre. I dettagli in ogni caso (come per le figurine) saranno forniti dai canali ufficiali della società, ovvero dal sito internet e dalla pagina Facebook.

Dopo i ringraziamenti di rito ai responsabili del settore giovanile e a tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione del progetto, la parola è passata al presidente Walter Mattioli che, tra una battuta e l’altra non ha mancato di dare uno sguardo al futuro spallino. “Sono molto contento per la realizzazione di quest’iniziativa, è un lavoro iniziato lo scorso anno al quale tenevamo fortemente. Come si può immaginare non lo si fa per i soldi ma per avvicinare più gente possibile al pianeta biancazzurro e in particolare per essere più presenti nelle famiglie soprattutto della provincia, che negli ultimi anni hanno un po’ perso di interesse per la squadra cittadina. È una delle iniziative che stiamo mettendo in piedi per ridare lustro all’immagine di questa società. La prima squadra? Stiamo lavorando in questi giorni per valutare tutte le situazioni. Dopo il cambio della guida tecnica alcuni giocatori che prima giocavano ora stanno trovando meno spazio e viceversa. Dobbiamo essere molto bravi a gestire i movimenti per non guastare gli equilibri della squadra. In ogni caso tre o quattro arriveranno, uno per reparto. Ovviamente, altrettanti partiranno”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0