La burocrazia rimanda il debutto di Zigoni: non potrà essere in campo contro la Reggiana

Quello che fino a oggi era un sospetto, oggi è una certezza: Gianmarco Zigoni non potrà essere in campo già nella sfida tra SPAL e Reggiana di lunedì a causa di problemi dettati dai tempi tecnici del suo tesseramento in biancazzurro. La conferma è giunta dagli uffici di via Copparo, sede operativa della dirigenza spallina. Da ieri Zigoni è in città, ma senza il nulla osta del Monza (squadra in cui si trova in prestito dal Milan) non potrà prendere parte alle sedute d’allenamento con i suoi nuovi compagni. Il via libera potrà arrivare solo grazie a una firma del neo-presidente Dennis Bingham, entrato in carica lo scorso 13 dicembre dopo il burrascoso addio di Anthony Armostron Emery. Al momento però non sembrano esserci notizie precise sulla sua sorte, tanto che Monza News palesa un certo scetticismo su un rientro in Italia a breve termine dell’imprenditore britannico.

Se Bingham dovesse tornare nei prossimi giorni e apporre il proprio autografo sul nulla osta, a quel punto per procedere al tesseramento – dal 5 gennaio, giorno di apertura dei trasferimenti – servirà un documento firmato da Adriano Galliani per conto del Milan, ossia la società proprietaria del cartellino di Zigoni. Questo passaggio potrebbe allungare ulteriormente i tempi, posticipando la presentazione dell’attaccante a mercoledì 7 gennaio. A fronte di queste circostanze viene meno anche la prospettiva di una richiesta di deroga alla Lega Pro per far esordire Zigoni nel giorno stesso dell’apertura del calciomercato. Da quanto è stato possibile apprendere, contatti informali in tal senso ci sarebbero stati, ma senza riscontri positivi. Insomma, nella migliore delle ipotesi Zigoni potrà indossare la maglia biancazzurra in occasione del match tra Pontedera e SPAL in programma allo stadio “Mannucci” il prossimo 10 gennaio.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0