Tre minuti di blackout condannano gli Allievi: il Cittadella ringrazia

Come si può perdere una partita in tre minuti? Un modo, tra i tanti, l’hanno fatto vedere gli Allievi della SPAL che, probabilmente ancora in clima natalizio, hanno regalato l’intera posta in palio ai pari età del Cittadella, avversari di giornata. Un black out incredibile che ha puntualmente castigato i ragazzi allenati da Perinelli che dovranno recitare il mea culpa e cercare di crescere come collettivo più velocemente possibile perché già troppe volte, in questa stagione, sono stati regalati punti che sembravano ormai più che scontati.

Dopo solo tre giri di lancette gli spallini hanno già l’occasione per sbloccare la partica con Maghini che, dopo aver raccolto un passaggio filtrante, peccando di altruismo mette in mezzo per nessuno anziché tirare da buona posizione. Il gol sembra nell’aria e a far le ultime prove generali è Boreggio che spara alto di poco sopra la traversa. Sugli sviluppi dell’azione Bugin rinvia in qualche modo e la palla finisce tra i piedi di Dalla Vedova che, dopo averne scartati un paio, infila l’estremo difensore veneto con un destro preciso. La SPAL sembra padrona del campo ma, nonostante delle buone manovre offensive, fatica a trovare la precisione necessaria negli ultimi metri. Dalla parte opposta del campo la difesa estense – quando è sotto pressione – traballa pericolosamente e al 13′ e al 17′ concede occasioni rispettivamente a Tommasi e Michieli per pareggiare: entrambi i tiri finiscono di poco a lato della porta difesa da Corato. Cinque minuti più tardi le urla di mister Perinelli, ne siamo convinti, si sentono fino in piazza: in un’azione fotocopia a quella di apertura, Maghini ruba palla al portiere, la sfera va a finire ad Ingenito che al posto di appoggiarla in rete decide di passarla non si sa bene a chi consentendo di fatto il recupero della difesa ospite.

Per quasi tutto il secondo tempo succede veramente poco, la partita vive fasi di grande confusione e i falli da entrambe le parti cominciano a diventare un po’ troppi: non per l’arbitro Magrelli, che in più di un’occasione ha lasciato perplessi i presenti con le proprie decisioni. All’11’ Ansah batte una punizione dalla trequarti: il tiro a palombella prende un effetto che sorprende probabilmente anche lo stesso centrocampista e per poco non beffa Corato, che si salva con l’aiuto della traversa. La consueta girandola di cambi prende il via e le squadre, inevitabilmente, si allungano. Al quarto d’ora della ripresa ancora Ansah semina il panico tra la difesa spallina e serve Tommasi che, da buona posizione, tira una ciabattata che non impensierisce Corato. La SPAL, per qualche strano motivo, arretra pericolosamente il proprio baricentro affidandosi per lo più alle ripartenze di Maghini e Braghiroli. In una di queste puntate offensive lo stesso Braghiroli ha la possibilità di mettere in sicurezza i tre punti ma il tiro potente viene intercettato da Bugin. Da qui in poi per la SPAL si spegne la luce, il Cittadella se ne accorge e spinge sull’acceleratore: al 37′ Pattarello raccoglie un passaggio filtrante e con un pallonetto segna la rete del pareggio. Tre minuti più tardi, il già ammonito Scarparo atterra Pattarello in area, dal dischetto del rigore Ansah spiazza Corato segnando una rete che vale tre punti. In pieno recupero Boccafoglia su punizione prova a sorprendere Bugin, ma il risultato non cambierà più. È tanto ancora il lavoro da fare per mister Perinelli, dopotutto posizioni più nobili in classifica si possono raggiungere, ad esempio, cominciando ad eliminare questi cali di concentrazione. Non è un obiettivo fuori portata.

SPAL – CITTADELLA 1-0 (1-2)

SPAL: Corato, Boccafoglia, Sarto, Karapici, Yevstyunin, Scarparo, Braghiroli, Dalla Vedova, Ingenito (dal 51′ Beghelli), Maghini, Boreggio (dal 77′ Miotto). A disp.: Pelati, Anostini, Greggio. All.: Fabio Perinelli.
CITTADELLA: Bugin, Riatto (dal 45′ De Marchi), Hysniu (dal 45′ Girardi), Pravato, Lando (dal 73′ Guarise), Basso, Gaborin (dal 60′ Graishta), Ansah, Michieli (dal 51′ Yasic), Tommasi (dal 70′ Michieletto), Pattarello. A disp.: Bordignon. All.: Denis Gazzetta.

ARBITRO: Megrelli di Finale Emilia (Assistenti: Caviano e Venieri).
MARCATORI: 7′ Dalla Vedova (S), 77′ Pattarello (C), 80′ rig. Ansah (C).
AMMONITI: Yevstyunin (S), Michieli (C), Lando (C).
ESPULSI: Scarparo (S) per doppia ammonizione.
NOTE: Nebbia fitta, terreno in discrete condizioni.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0