Leadership in difesa: a garantirla potrebbe essere l’esperto Cottafava. Affare ormai imminente?

A quanto pare nella riunione dirigenziale del lunedì – ordine del giorno: calciomercato – è passata una linea diversa da quella verde paventata da Francesco Colombarini. La SPAL infatti sarebbe intenzionata a puntellare il suo reparto difensivo con l’ingaggio di un veterano dotato di lungo e solido curriculum. Il nome più caldo al momento è quello di Marcello Cottafava, attuale capitano del Latina in serie B. Nonostante abbia vissuto le ultime due stagioni da protagonista e sia un idolo della piazza pontina, Cottafava sembra essere finito ai margini della rosa affidata all’ex spallino Breda e potrebbe accettare di buon grado la discesa in Lega Pro. Soprattutto in virtù dell’amicizia che lo lega al ds biancazzurro Vagnati: i due infatti sono entrambi nativi di Genova e hanno condiviso l’esperienza delle giovanili alla Sampdoria. A lasciare un filino perplessi è la carta di identità, visto che a settembre 2015 Cottafava compirà 38 anni. Ma le presenze negli ultimi due anni e soprattutto le prestazioni lasciano pensare a un giocatore ancora pienamente integro e motivato. Di certo il difensore nerazzurro sembra essere l’elemento giusto per garantire una buona dose di leadership e ordine nel reparto arretrato. Nella sua lunga carriera, iniziata nel 1997 con la maglia del Saronno, Cottafava vissuto le sue stagioni migliori a Treviso (doppio salto dalla C1 alla A) alla Triestina e ovviamente al Latina dove è giunto nell’estate 2012. La trattativa potrebbe decollare velocemente, tanto che i bene informati scommettono su una sua presentazione già entro la settimana.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0