Pronto il ritorno al 532, Semplici: Da oggi per noi sono tutte finali, contiamo anche sul tifo

“Natale è passato da un pezzo, adesso basta fare regali”. Il messaggio di Semplici è chiaro. Il tecnico biancazzurro cerca di sdrammatizzare, ma non ammette più passi falsi per la sua SPAL: “Domenica per noi è una finale. D’ora in poi tutte le partite saranno finali e dovremo essere sempre in grado di affrontarle con la giusta mentalità. Dopo Pistoia ci era parso di intravedere la luce in fondo al tunnel, ma ci sbagliavamo. Anche sabato scorso siamo scesi bene in campo, anzi, a mio parere, abbiamo fatto la partita, però siamo stati poco concreti e come al solito abbiamo regalato troppo ai nostri avversari, senza che ci abbiano impensierito più di tanto. La squadra fisicamente sta bene, a parte Filippini che ha rimediato una botta a un ginocchio e dovrà stare fuori per una quindicina di giorni, il resto della rosa è a mia completa disposizione. Sicuramente l’aspetto mentale è quello su cui c’è più da lavorare, ma i ragazzi devono capire che bisogna stare uniti ora più che mai per uscire da questa brutta situazione che noi stessi ci siamo creati. Ormai la classifica è compromessa, siamo a un punto dalla zona rossa. Il campo ha giudicato insufficiente l’operato svolto fino a questo momento e ora sarà meglio rimboccarsi le maniche per regalare ai nostri tifosi delle belle prestazioni, a partire da questa domenica in casa con il Savona”.

Savona, l’avversario da scavalcare: i liguri in classifica si trovano a un solo punto dalla SPAL e il match di domenica sarà l’occasione per gli uomini di Semplici per recuperare terreno. Dopo la sconfitta nel girone d’andata, i biancazzurri hanno l’opportunità di riscattarsi in casa, anche se giocare al “Mazza” ultimamente non si sta rivelando un vantaggio. “Purtroppo è da tanto che non vince e non si segna in casa e dobbiamo invertire la marcia. Domenica ospitiamo una squadra che viene da una sconfitta interna e che cercherà di fare la partita. Troveremo un gruppo abbottonato che ci concederà il meno possibile e starà a noi sfruttare quelle poche occasioni o le palle inattive per portarci in vantaggio”. Semplici non svela la formazione ma ci sono novità riguardanti il modulo: si passerà dal solito 433 al 532, decisione presa per necessità: “Il cambio di modulo è dovuto essenzialmente ai risultati. Visto che ogni occasione avversaria ci crea sempre difficoltà, ho optato per una difesa a cinque che magari può darci più sicurezza, più compattezza per quanto riguarda la manovra arretrata. Poi sono convinto che questo modulo non comprometterà la fase offensiva, riusciremo a crearci le nostre occasioni importanti anche con un attacco a due se la squadra interpreterà la gara nella giusta maniera”.

Tanta curiosità per i nuovi arrivati Gerbaudo, Cottafava, Nava, Zigoni. Il mister rivela che alcuni di loro faranno il loro esordio in casa. “La società sta facendo grandi sacrifici per mettermi a disposizione una rosa più consona al mio modo di interpretare il gioco. Due o tre dei nuovi certamente li vedrete giocare. Da loro per adesso non pretendo più di tanto, sto aspettando che si integrino nel gruppo e che assimilino bene le nostre condizioni di gioco. Zigoni a Pontedera mi è piaciuto, l’intesa con Fioretti non manca, mi auguro che domenica confermino in campo quello che mi hanno dimostrato in allenamento questa settimana”. Per quanto riguarda le lamentele che investono Togni da un po’ di tempo, Semplici conferma la fiducia nelle capacità del centrocampista brasiliano: “Togni continua ad essere criticato perché le cose stanno andando male. Sabato scorso secondo me è stato uno dei migliori. Da lui mi aspetto che sia il fulcro del gioco, che sbagli pochi palloni e dia importanza alla manovra. Cercheremo di continuare a lavorare per metterlo nelle condizioni di fare meglio e di aiutarci a uscire da questa situazione”. Situazione che ha creato non poco sconforto ai tifosi, ormai nemmeno più arrabbiati ma demoralizzati dalle ultime performance spalline. “Dispiace che purtroppo non stiamo soddisfacendo le aspettative iniziali. So che domani durante la fase di rifinitura verranno i ragazzi della Curva ad incitare i ragazzi. Sono dimostrazioni che fanno piacere e sicuramente ci daranno la carica giusta per tornare a vincere davanti a loro domenica”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0