A immagine e somiglianza di Varricchio: la Berretti rifila tre gol anche all’Arezzo

Arriva un altro 3-1 per la Berretti di Max Varricchio che al “Benito Villani” di Masi Torello batte anche l’Arezzo. Una vittoria arrivata grazie ai gol di testa di Scarpi e Curci, con quest’ultimo autore della sua prima doppietta in questa categoria. Un risultato che dopo i primi venti minuti, con la SPAL avanti 2-0 e assolutamente padrona del campo, sembrava essere scontato, ma che l’espulsione di Nava sul finire del primo tempo ha rischiato di rimettere in dubbio, anche se i toscani non hanno mai dato l’impressione di essere pericolosi nemmeno in superiorità numerica.

Contro la seconda peggior difesa del campionato, mister Varricchio, nonostante anche oggi l’infermeria contasse qualche elemento di spessore, sceglie una formazione a trazione anteriore, con Scarpi, Raspadori e Farina che spesso si trovano a giocare sulla stessa linea di Rosetti. Un atteggiamento reso possibile anche dalla prova maiuscola in mezzo al campo della coppia Curci-Atzori. Pronti via ed è subito la SPAL ad avvicinarsi alla porta di Garbinesi, che però para agevolmente il tiro di Farina. Al 10′ arriva già il gol del vantaggio, con Scarpi che insacca di testa il cross di Farina spizzato anche da Rosetti. Non passa nemmeno un altro minuto e Raspadori, lanciato a rete, viene anticipato fuori area da Garbinesi in uscita. L’Arezzo soffre molto dietro, ma davanti può contare su giocatori di qualità e solo una grande diagonale di Milan al 16′ impedisce a Rossi di pareggiare da pochi passi. I biancazzurri passano ancora al 19′, con Curci che svetta di testa sul secondo palo sugli sviluppi di un calcio di punizione di Scarpi e mette la palla sul palo opposto. È solo SPAL nella prima mezzora e al 27′ Rosetti si vede respingere la sua doppia conclusione prima di petto da un difensore e poi da Garbinesi. Un minuto dopo ci prova anche Curci dal limite dell’area, con il numero uno toscano che si allunga. Nel finale di primo tempo i ritmi si abbassano e al 44′ arriva l’episodio che riapre una partita fino ad allora a senso unico, con Nava che atterra Bucaletti al limite del limite dell’area: essendo già stato ammonito il difensore spallino finisce negli spogliatoi anzitempo.

Al rientro in campo mister Varricchio sostituisce l’ottimo Scarpi, già ammonito, con Ambrosini per ripristinare un più consono 4-4-1. Il pubblico del “Villani” grida al rigore al 50′ quando Protei atterra vistosamente in area Farina, ma l’arbitro Xhafa non è dello stesso parere. La SPAL non si chiude dietro, ma continua a farsi vedere in attacco, anche se spesso questo comporta spazi in contropiede per l’Arezzo che però fatica a rendersi pericoloso fino al 69′, quando una bella combinazione al limite dell’area libera Rossi davanti a Ranieri, con il pallonetto della punta che manca lo specchio della porta ma arriva sui piedi di Mattesini, il quale rimette in mezzo dove D’Abbrunzo non sbaglia. L’andamento del secondo tempo non cambia, mister Varricchio inserisce anche Mantovani e proprio dal suo piede arriva il pallone del 3-1 che all’83’ Curci mette ancora in porta di testa. Spazio anche per il nuovo arrivato Demetrio Belfiore negli ultimi sette minuti, che però non approfitta di un clamoroso errore in disimpegno di Garbinesi. L’Arezzo potrebbe nuovamente accorciare le distanze all’86’, ma le conclusioni di Bucaletti e D’Abbrunzo sbattono contro i difensori ferraresi prima e Ranieri poi.

S.P.A.L.-AREZZO 3–1 (2-0)

S.P.A.L. (4-2-3-1): Ranieri; Nava, Laquaglia, Sorrentino, Milan; Curci, Atzori; Scarpi (dal 1′ s.t. Ambrosini), Raspadori (dal 27′ s.t. Mantovani), Farina; Rosetti (dal 38′ s.t. Belfiore). A disp. Pelati, Merighi, De Martino, Pivelli. All.: M. Varricchio.

AREZZO (4-2-3-1): Garbinesi; Guizzunti (dal 23′ s.t. Arapi), Protei, Vedovini, Galantini; Magara, D’Abbrunzo; Gerardini (dal 32′ s.t. Cacioppini), Bucaletti, Mattesini; Rossi. A disp. Maffetti, Fragalà, Boccadoro. All. A. Susso.

ARBITRO: Sig. Xhafa D. di Ravenna (Assistenti Sig.ri Cola e Xhafa S. di Ravenna)
MARCATORI: 10′ p.t. Scarpi (S), 19′ p.t. Curci (S), 24′ s.t. D’Abbrunzo, 38′ s.t. Curci (S).
ESPULSI: 44′ p.t. Nava (S) per doppia ammonizione.
AMMONITI: Laquaglia (S), Farina (S), Scarpi (S), Protei (A).
NOTE: pomeriggio soleggiato, terreno in discrete condizioni. Spettatori 100 circa. Angoli: 7 a 4 per la Spal. Recupero: pt 0’ st 3’.

POST PARTITA
Massimiliano Varricchio (allenatore SPAL)

Mister è arrivata un altra vittoria che mantiene vive le vostre ambizioni.
“Oggi abbiamo giocato contro una squadra forte, che fino a sabato scorso era davanti a noi, facendo una gran partita e forse se fossimo rimasti in parità numerica il risultato sarebbe stato anche più ampio. I ragazzi sono partiti molto bene, hanno fatto un uno-due subito e avrebbero potuto segnare anche il terzo gol”.

Sei d’accordo se diciamo che questa prestazione rispecchia molto il Varricchio allenatore?
“Ultimamente i ragazzi stanno facendo molte partite come piace a me, mi rivedo in loro spesso come atteggiamento, come volontà. A Pordenone hanno fatto una partita strepitosa, oggi altrettanto, perché prima abbiamo dominato, poi undici contro dieci abbiamo un po’ rischiato, come ci sta che accada nel calcio, però con carattere, con forza, abbiamo stretto i denti, non rinunciando mai a portare i nostri saltatori avanti, quando si poteva anche decidere diversamente per evitare magari qualche ripartenza”.

Oggi hai preferito Curci e Atzori a Merighi che nell’ultimo periodo aveva fatto molto bene a centrocampo: quali sono le ragioni di questa scelta?
“Merighi viene da un periodo in cui ha avuto la febbre ed è rientrato proprio questa settimana, quindi poteva non essere al 100%. Oltre a loro non va dimenticato nemmeno De Martino che quando è stato impiegato ha dato sempre il suo contributo. Ho questi quattro ragazzi tutti all’altezza. Oggi ho fatto queste scelte anche per dare maggior forza sulle palle inattive e devo dire che sono stato molto fortunato visto com’è andata”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0