Le seconde linee fanno felici il patron e il mister, sullo sfondo le ultime mosse di mercato

Al termine della vittoria in Coppa Italia di Lega Pro sul Bassano, abbiamo raccolto i commenti dei protagonisti. Il presidente Walter Mattioli non ha rilasciato dichiarazioni ufficiali a taccuini e microfoni, ma ha commentato in tono confidenziale la prestazione della squadra e delle ‘seconde linee’ (“Bellemo ha fatto una bella partita, crediamo in lui, sarà il futuro della SPAL”), oltre a toccare i temi del mercato. Dai possibili partenti (“Questo Capece ci fa comodo, ma il ragazzo vuole giocare. Qui alla SPAL nessuno ha il posto assicurato”) ai probabili arrivi: “Il mister ha chiesto espressamente una seconda punta. Aperto il discorso di Forlì (Melandri, ndr), ma anche con altre soluzioni. Giovani? No, anche giocatori con esperienza”. Soddisfatti anche il patron Simone Colombarini e il tecnico Leonardo Semplici

Simone Colombarini
“E’ stata una buona partita. Si sono viste delle belle azioni e alcune giocate. E’ un risultato che ci soddisfa al termine di una buona prestazione. Ho visto lo spirito giusto. La Coppa Italia serve a dare spazio ai giocatori meno impiegati. Ma è un discorso che vale non solo per noi, anche per le altre formazioni. Quindi, se siamo arrivati alle semifinali è la dimostrazione che la SPAL ha qualità di alto livello in tutti i suoi elementi. L’addio di Bulgarelli? Ha deciso di concentrarsi sul basket, come avevamo fatto noi, pensando a convogliare le nostre risorse sul calcio. La società ha le porte aperte per chiunque voglia entrarne a far parte. Noi aspettiamo sponsor dalla città di Ferrara, ma non solo. Chi viene deve però condividere le nostre idee. Noi continuiamo ad andare avanti con la stessa passione di quando abbiamo cominciato questa esperienza”.

Leonardo Semplici
“I giocatori che fin qui hanno giocato di meno hanno saputo farsi trovar pronti. Sono felice. Anche chi è stato utilizzato poco ha dimostrato di poter essere un possibile titolare. Ciò mi fa ben sperare per il prosieguo della stagione. Volevamo passare il turno contro un Bassano, ottimo avversario, che aveva il nostro stesso obiettivo. E’ una partita che ci è servita dal punto di vista fisico ed è una vittoria che fa bene al morale e serve a dare continuità agli ultimi risultati. Abbiamo espresso un buon gioco, ribattendo colpo su colpo, diamo merito ai ragazzi. Non abbiamo corso grandi rischi, fornendo la copertura giusta. Capece? Autore di una bella prestazione, ma anche Finotto ha disputato una bella gara. Tutti hanno giocato sopra la media. Per il centrocampista voci d’addio? Capece è un giocatore utile al nostro progetto. Sono contento di allenarlo. Se poi deciderà d’andar via, prenderemo qualcuno all’altezza. Cosa serve per completare l’organico? Qualche vittoria. Ho chiesto una seconda punta o trequartista in grado di completarsi con i vari Fioretti, Zigoni e Finotto. Un giocatore in grado di cambiare modulo a partita in corso, ma anche per variare dal primo minuto. Al Gubbio penseremo da domani mattina, speriamo di fare una bella gara e un bel risultato”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0