Come cambiano le avversarie della SPAL dopo il mercato invernale / Parte seconda

Continua il nostro percorso di approfondimento, in ordine alfabetico, delle operazioni di mercato condotte dalle avversarie della SPAL nella sessione invernale. Qui la prima parte: http://www.lospallino.com/?p=22915

PISTOIESE – Partenza sprint sulle ali dell’entusiasmo per i giovani guidati da Cristiano Lucarelli. Poi nella Pistoiese qualcosa si è inceppato dopo il prestigioso successo col Pisa. Così dall’essere un esercito garibaldino all’assalto della zona playoff, gli arancioni sono apparsi un esercito in rotta. Goleade subite a destra e manca e giovani demoralizzati. Il tesoretto accumulato permette di essere ancora a +2 dai playout, che ora fanno paura. Hanno lasciato giocatori importanti nello scacchiere di Lucarelli: Tripoli, Pazzagli, Saric e soprattutto Pasini tornato al Carpi. Poteva tornare utile anche l’esterno Ciciretti, visto quanto fatto appena sbarcato a Messina. Non lascia rimpianti Frugoli. Infornata di Ricci per gli arancioni: i due coetanei di nome Matteo (il portiere arrivato dopo 17 presenze al Pontedera e il trequartista arrivato dal Carpi via Roma) e il difensore Luca (1989, dal Catanzaro). A centrocampo dai calabresi arrivano l’esperto Gabriele Pacciardi (1983) e l’esterno offensivo Martignago. Il centravanti Valerio Anastasi ha lasciato Monza con 5 reti e arrivato a Pistoia ha già timbrato due volte in cinque apparizioni. Importantissima in mezzo al campo la conferma di Calvano. Per Lucarelli sarà comunque un’impresa centrare la salvezza.

ACQUISTI: Matteo Ricci (p, 1994, Pontedera/Empoli), Luca Ricci (d, 1989, Catanzaro), Riccardo Martignago (a, 1991, Catanzaro), Gabriele Pacciardi (c, 1983, Catanzaro), Matteo Ricci (c, 1994, Carpi/Roma), Valerio Anastasi (a, 1990, Monza/ChievoV.).
CESSIONI: Nicola Pasini (d, 1991, Carpi), Tomislav Saric (c, 1990, Savoia), Edoardo Pazzagli (p, 1989, Lucchese), Diego Frugoli (a, 1995, Empoli/Savona), Pietro Tripoli (c, 1987, Ascoli), Amato Ciciretti (c, ’93, Roma/Messina).


PRATO
– I ragazzotti arrivati dall’Inter si sono scontrati con la dura realtà del mondo dei grandi e in larga parte hanno deluso. Meglio i giovani fatti in casa per i lanieri. Ad esempio gli scudettati (con gli Allievi Nazionali) Matteo Lorenzo (1997) e il mediano Bengala (1998) finito al Livorno. Rubino ha avuto richieste, ma il suo carisma è fondamentale per risollevarsi. Non sono bastate nemmeno le undici reti di Bocalon. I Toccafondi per evitare la retrocessione hanno dunque cercato sul mercato di riparazione gente pronta. Tra i pali l’espertissimo Gazzoli (’75, dal Lumezzane), in difesa Michele Rinaldi (’87, dal Savoia) e il terzino sinistro Michele De Agostini (’83) rientrato da Ischia dove si era trasferito dopo sette stagioni con i lanieri. Completa il quadro difensivo il centrale Sorbo dal Pavia. In mezzo al campo, ad esclusione di SantiniUrsoCoccolo sembrano aggiungere molto. Lasciano Prato il terzino Eguelfi, i difensori Malomo e Bagnai, oltre al portiere Brunelli.

ACQUISTI: Massimo Gazzoli (p, 1975, Lumezzane), Michele Rinaldi (d, 1987, Savoia), Federico Sorbo (d, 1991, Pavia), Michele De Agostini (d, 1983, Ischia Is.), Francesco Urso (c, 1994, Vicenza), Lorenzo Coccolo (c, 1994, Pisa), Claudio Santini (c, 1992, Lucchese).
CESSIONI: Fabio Eguelfi (d, 1995, Inter/Savona), Gomsi Bengala (c, 1998, Livorno), Alessandro Malomo (d, 1991, Pavia), Matteo Brunelli (p, 1994, Carpi), Andrea Bagnai (d, 1992, Lumezzane).


PRO PIACENZA
 – Senza il -8 di inizio stagione la banda Franzini sarebbe fuori dalla zona playout. Fare bene con quello che si ha a disposizione è il motto del tecnico rossonero, che è riuscito a portare i suoi alla Lega Pro unica. Un’altra impresa sportiva sarà salvarsi. Tutti i nuovi arrivati sono riusciti a partire titolari. In avanti, il colpo è sicuramente Danilo Alessandro. Autore di 19 gol con il Real Vicenza la passata stagione, all’ombra della Reggia di Caserta non ha inciso (11 presenze 1 gol). Ritornato al Nord, ha ripreso confidenza con il gol con cinque reti in altrettante uscite. Sarà un’arma fondamentale per la salvezza. In avanti i centimetri li porterà Giovio dal Grosseto, mentre in mezzo al campo oltre alla promessa Barba arriva il regista basso Michael Bacher dal Pordenone. Lasciano i rossoneri Ravasi e Torri che non hanno lasciato grossi rimpianti, ma dispiace l’addio del giovane portiere Donnarumma (1995) protagonista della promozione in C.

ACQUISTI: Dembel Sall (d, 1994, Bari), Michael Bacher (c, 1988, Pordenone),Gianluca Barba (c, 1995, Atalanta), Danilo Alessandro (a, 1988, Casertana), Daniele Mascolo (a, 1994, Cremonese), Marco Giovio (a, 1990, Grosseto).
CESSIONI: Luca Donnarumma (p, 1995, V. VecompVerona), Riccardo Ravasi (a, 1994, Pordenone), Omar Torri (a, 1982, Monza).

REGGIANA – I granata sembravano avere vita breve in vetta e invece sono ancora lì al secondo posto con vista sul primo. Via il centravanti Sinigaglia passato alla Giana Erminio che lotta per la salvezza. Da Catanzaro arriva la qualità in mezzo al campo di Antonio Vacca. In attacco i colpi di spessore: Luca Giannone fantasista arrivato dal Bologna e la scommessa croata Bruno Petkovic (dal Varese in B e con già 4 presenze in A col Catania). Per il resto la squadra c’è. Gli uomini di Alberto Colombo possono arrivare in fondo.

ACQUISTI: Antonio Vacca (c, 1990, Catanzaro), Matteo Messetti (a, 1995, Cremonese/ChievoV.), Bruno Petkovic (a, 1994, Varese/Catania), Gianluca Galullo (d, 1997, S.Severo), Luca Giannone (a, 1989, Bologna), Lorenzo Bianciardi (c, 1995, Pro Patria), Francesco Rampi (c, 1990, Monza), Erik Panizzi (d, 1994, Pro Patria).
CESSIONI: Davide Sinigaglia (a, 1981, Giana Erminio), Matteo Luigi Brunori Sandri (a, 1994, Pro Patria), Cosimo Palumbo (c, 1989, Pro Patria), Filippo Magri (c, 1995, Ravenna)

SAN MARINO – Dalle parti del Titano Fabrizio Tazzioli dovrà gestire un via vai mica da ridere. Il mercato non prende più la strada della Spagna, ma si sposta verso l’Africa. Lasciano gli spagnoli Gil Muntadas e Miravent, oltre al paraguayano Daniel Jara. Le partenze più pesanti sono quelle dell’ala destra Francesco Casolla e del difensore Luca Russo. In entrata si è fatto subito notare con una doppietta (purtroppo inutile) Riccardo Musetti (svincolato, ma con tanta esperienza in Lega Pro con Sorrento e Cremonese). In mezzo al campo l’argentino Cuffa (ex Padova in B, arrivato da Matera) può far star più tranquillo la stellina Sensi. In porta il brasiliano Caio Secco, titolare a Crotone in B prima del ritorno di Cordaz. In difesa Benassi, Cammaroto e Bregliano assicurano esperienza, così come in avanti sa il fatto suo Baldazzi, altro svincolato, lo scorso anno tre reti al Rimini. La mezzala Varone cerca riscatto, così come Ulizio e i giovani africani Bationo (dal Nimes, Ligue 2 via Parma), Pape Dia e Faisal Bangal. Per staccarsi dall’ultima piazza forse serviva qualcosa di più.

ACQUISTI: Caio Secco (p, 1990, Crotone/Parma), Maikol Benassi (d, 1989, Carrarese), Vincenzo Cammaroto (d, 1983, Delta PT), Simone Bregliano (D, 1989, svincolato), Matias Cuffa (c, 1981, Matera), Ivan Varone (C, 1992, Savona), Yves Benoit Bationo (c, 1993, Nimes/Parma), Andrea Ulizio (c, 1994, Pro Patria), Pape Dia (a, 1993, Udinese/Carpi), Riccardo Musetti (A, 1983, svincolato), Faisal Bangal (a, 1995, Ascoli/Atalanta), Pierluigi Baldazzi (a, 1985, svincolato).
CESSIONI: Francesco Casolla (a, 1992, Pro Patria), Mattia Migani (p, 1992, Catanzaro), Denis Pesaresi (a, 1992, Bogliasco), Luca Russo (d, 1994, Savona), Gil Muntadas (c, 1993, Pobla de Mafunet), Daniel Jara (a, 1993, Genoa), Miravent Sans (c, 1994, svincolato).

SANTARCANGELO – I clementini dopo l’esonero di Fabio Fraschetti si mettono nelle mani di Agatino Cuttone che deve recuperare tre punti per emergere dalla zona playout. Importanti gli arrivi in mediana del francese Taugourdeau, ma soprattutto del fantasista Berardino (arrivato dal Melfi, a Chieti ha lasciato un ottimo ricordo). Tra i pali arriva Lombardi, in difesa il mancino Possenti e in avanti sull’esterno Garufi (già 7p. in B col Catania) e la punta Falconieri, due reti pesantissime nel derby salvezza col Forlì. Evangelisti e Torelli sono due partenze pesanti, meno rispetto alle previsioni iniziali l’addio dell’esperto Tiziano Polenghi.

ACQUISTI: Francis Obeng (c, 1986, Napoli), Filippo Lombardi (p, 1990, Bologna), Davide Adorni (d, 1992, Cesena), Marcello Possenti (d, 1992, Reggiana/Pordenone), Anthony Taugourdeau (c, 1989, Albinoleffe), Riccardo Berardino (c, 1990, Melfi), Agatino Garufi (a, 1995, Catania), Vito Falconieri (a, 1986, Pavia/Parma).
CESSIONI: Alberto Torelli (C, 1995, Carpi), Christian Tavanti (d, 1995, Juventus/Mantova), Andrea Scicchitano (c, 1992, Parma/Tuttocuoio), Tiziano Polenghi (d, 1978, Giana Erminio), Riccardo Marani (p, 1995, Sambenedettese), Simone Braccini (c, 1995, Correggese), Alessandro Evangelisti (c, 1981, Mezzolara).

SAVONA – L’addio di Arturo “Re Artù” Di Napoli e l’arrivo di Antonio Aloisi ha aperto ad una profonda rivoluzione: sono quasi trenta le operazioni effettuate dai biancoblu. In avanti, i due giovani attaccanti De Feo e Spadafora (pupillo di Di Napoli), rispettivamente autori di 5 e 4 gol, lasciano per accasarsi a Grosseto e Bassano. Lascia il centrocampo ligure Federico Cerone passato alla Torres, mentre in difesa dopo ben 82 presenze e 6 gol in tre anni parte l’ex SPAL Francesco Quintavalla (destinazione Real Vicenza). La mezzala Varone passa al San Marino in uno scambio col difensore Luca Russo. Il Savona cerca giocatori esperti per sollevarsi dalla zona playout. In difesa: lo svincolato Ficagna, ex Siena in A e Cesena in B., in porta Rossini (dalla Lupa Roma, l’anno scorso 5 presenze nella promozione in A del Cesena), in mezzo al campo Tommaso Morosini (1991, dal Catanzaro) e Andrea D’Amico (1989, dall’Ischia), in avanti l’estro di Giuseppe Giovinco, arrivato in cerca di rivincite dopo l’addio al Pisa. Non solo esperti, ma anche giovani che hanno deluso al primo impatto con i ‘grandi’: il terzino sinistro Eguelfi arrivato dal Prato via Inter e l’attaccante Frugoli dalla Pistoiese via Empoli. In cerca di minuti gli ex Bassano Tonon e Munarini. Ad Aloisi il compito di compattare nel più breve tempo possibile la squadra. Per far questo arriva nello spogliatoio Max Taddei dalla Massese con lui ad Ascoli.

ACQUISTI: Andrea Rossini (p, 1990, Lupa Roma/Parma), Luca Russo (d, 1994, San Marino), Daniele Ficagna (d, 1981, svincolato), Max Taddei (c, 1991, Massese), Fabio Eguelfi (d, 1995, Prato/Inter), Tommaso Morosini (c, 1991, Catanzaro), Daniel Gemignani (c, 1994, Barletta), Nicolò Tonon (c, 1993, Bassano V./Atalanta), Andrea D’Amico (a, 1989, Ischia Is.), Giuseppe Giovinco (a, 1990, Pisa), Diego Frugoli (a, 1995, Pistoiese/Empoli), Luca Munarini (a, 1993, Bassano V.), Niko Bianconi (a, 1991, Vicenza).
CESSIONI: Ivan Varone (c, 1992, San Marino), Enrico Verachi (c, 1990, Ischia), Manuel Spadafora (a, 1994, Bassano V.), Gianluca Nucera (a, 1994, svincolato), Nicola Cosentini (c, 1988, svincolato), Matteo Loreti (c, 1994, Teramo), Matteo Colombi (a, 1994, Inter/Torres), Federico Cerone (c, 1985, Torres), Daniele Gizzi (d, 1993, L’Aquila), Francesco Quintavalla (d, 1982, Real Vicenza), Raffaele Rosato (d, 1993, Gallipoli), Mirko Pennesi (p, 1989, svincolato), Andrea Casarini (c, 1994, Bassano V.), Gianmarco De Feo (a, 1994, Grosseto).

TERAMO – Il vero colpo dei diavoli d’Abruzzo è la conferma dei gemelli del gol Donnarumma e Lapadula. Seconda piazza alle spalle dell’Ascoli assieme alla Reggiana. Per molti, la squadra di Vincenzo Vivarini è la sorpresa del torneo. Dietro c’è una grande organizzazione. E’ scelte estive azzeccate. Nel mercato di riparazione si segnalano lo scambio di portieri col Vicenza: CappaSerraiocco e l’addio di Cristian Bonaiuto (11 presenze  e 1 gol) passato alla Torres perché chiuso dall’esterno mancino scuola Palermo Luca Di Matteo (’88), svincolato. I teramani possano dar fastidio fino alla fine, anche perché a tratti hanno giocato il miglior calcio del girone.

ACQUISTI: Andrea Cappa (p, 1993, Vicenza), Matteo Loreti (c, 1994, Savona), Hrvoje Milicevic (c, 1993, Pescara), Luca Di Matteo (c, 1988, svincolato), Luca Pigini (c, 1989, Civitanovese).
CESSIONI: Federico Serraiocco (p, 1993, Vicenza), Cristian Bonaiuto (c, 1992, Torres).

TUTTOCUOIO – I top player neroverdi erano già in casa: Max Alvini in panca e Corrado Colombo nel cuore dell’attacco. Sette reti per l’ex attaccante di Samp e Inter, preannunciato ad una stagione in passerella per il suo ultimo atto da giocatore. Sul mercato l’ad Daniele Donati ha cercato una punta per dare un’alternativa ad Alvini. Sono arrivati giovani rinforzi in difesa e a centrocampo, buoni per allungare la panchina come Scicchitano (6 presenze al Santarcangelo, arrivato via Parma), e i giovani dell’Empoli Bachini e Agrifogli. Nell’operazione con l’Empoli il trasferimento del giovane Francesco Colombini (1993), rimasto in prestito con i neroverdi fino al termine della stagione.

ACQUISTI: Francesco Colombini (d, 1993, Empoli), Matteo Bachini (d, 1995, Lucchese/Empoli), Alessio Agrifogli (d, 1996, Empoli), Andrea Scicchitano (c, 1992, Santarcangelo/Parma).
CESSIONI: Francesco Colombini (d, 1993, Empoli).

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0