E’ la Lucchese a far festa al Porta Elisa, la SPAL affonda 2 a 0 nel fango

Chi di 2-0 ferisce, di 2-0 perisce e con lo stesso risultato dell’andata, ma a parti invertite, la Lucchese fa suo l’anticipo della 25^ giornata del girone B di Lega Pro. Al ”Porta Elisa” di Lucca, per i due allenatori di Lucchese e SPAL, va in onda la sfida dei cerotti: se Galderisi deve fare a meno di Degeri, Raicevic, Chianese e Nolè, dalla parte opposta Leonardo Semplici non se la passa meglio, considerate le assenze forzate di Silvestri, Albertoni, Aldrovandi, Togni, Landi e Filippini.

Il ricordo della buona prestazione della formazione estense ad Ascoli è ancora ben vivido tra gli spallini che sembrano quasi riprendere dal bel gioco messo in mostra con i marchigiani: prima Cottafava e poi Nava provano a sorprendere Di Masi senza però trovare fortuna. Nonostante la buona partenza dei biancazzurri al quarto minuto è la Lucchese a sbloccare la gara. Da una punizione poco fuori dal limite dell’area, la palla arriva a Mingazzini che dopo essersela aggiustata un paio di volte lascia partire un tiro che si insacca poco distante dall’incrocio dei pali. I complimenti vanno fatti sicuramente al centrocampista toscano, ma l’impressione è che se gli spallini avessero pressato il portatore di palla, difficilmente quest’ultimo sarebbe riuscito a prendere la mira con tanta facilità. Assimilato il colpo iniziale, la SPAL continua a produrre una gran mole di gioco collezionando però più calci d’angolo che vere azioni da gol. Nel primo tempo succede decisamente poco, le difese prevalgono sugli attacchi e gli unici brividi, per così dire, arrivano dai calci piazzati che, prima Giani poi Di Quinzio, spediscono ripetutamente nel fondo o contro la barriera. Al 44′ Zigoni prova da fuori area a sorprendere l’estremo difensore locale che, con un colpo di reni, devia la sfera quel tanto che basta per proteggere il vantaggio.

Quindici minuti dopo le squadre tornano in campo sotto una forte pioggia, senza sostituzioni. Non cambia più di tanto dal primo tempo per quanto riguarda lo spettacolo offerto dalle due squadre e certamente le condizioni meteo non aiutano. Al 59′ la SPAL ha l’occasione di portare il risultato in parità: dalla tre quarti Di Quinzio pennella al centro per Zigoni, la palla carambola tra i piedi di Fioretti che vede negarsi la gioia del gol dal salvataggio sulla linea di Calcagni. Mister Semplici prova a dare una sfumatura più offensiva alla sua squadra: dentro Rovini al posto di Giani, con la speranza che il giocatore dell’Empoli riesca a dare vivacità alla manovra offensiva. Gli estensi prendono fiducia e al 64′ hanno la seconda nitida possibilità per segnare: Di Quinzio da fuori area calcia a botta sicura, Di Masi con un autentico miracolo respinge il tiro che rimbalza anche sulla traversa prima di spegnersi sul fondo. È probabilmente il miglior momento degli spallini ma, puntualmente, tutta l’ingenuità di questa squadra viene a galla: da un’azione offensiva, la palla viene girata all’indietro a Gasparetto. Il centrale spallino litiga con il pallone consentendo agli avversari di rubare palla: ne nasce un contropiede micidiale ad opera di Lo Sicco che parte palla al piede da centrocampo per andare a segnare direttamente la rete del 2 a 0. La formazione estense non si arrende e prima Fioretti poi Rovini provano a trovare la stoccata vincente senza però ottenere i risultati sperati. Nel recupero anche Zigoni prova a rendersi pericoloso, ma il suo colpo di testa finisce direttamente nelle braccia del portiere toscano.

Con i tre punti guadagnati con merito oggi, la Lucchese aggancia gli spallini a quota 31. Dal canto loro, i ferraresi con le ultime due sconfitte rischiano di aver buttato all’aria il piccolo margine di punti che avevano guadagnato con l’arrivo di mister Semplici. Ora occorre concretamente guardarsi alle spalle, con la speranza di non farsi venire pericolosi giri di testa.

LUCCHESE – SPAL 2-0 (1-0)

LUCCHESE: Di Masi, Calcagni, Risaliti, Espeche, Calistri, Mingazzini (dal 70′ Strizzolo), Ferretti (dal 70′ Santeramo), Pizza, Forte (dal 90′ Scapinello), Lo Sicco, Pagano. A disp.: Pazzagli, Cazè, Bianchi, Russo, Strizzolo. All.: Galderisi.
SPAL: Menegatti, Lazzari, Giani (dal 61′ Rovini), Capece, Gasparetto, Cottafava, Nava, Gentile, Fioretti, Di Quinzio (dal 85′ Finotto), Zigoni. A disp.: Ranieri, Bellemo, Gerbaudo, Pappaianni, Rosina. All.: Semplici.

ARBITRO: De Angeli di Abbiategrasso (Assistenti: Vecchi e Rugini).
MARCATORI: 4′ Mingazzini (L), 66′ Lo Sicco (L).
AMMONITI: Mingazzini (L), Pagano (L), Zigoni (S), Pizza (L).
NOTE: terreno in cattive condizioni. Calci d’angolo 10 a 4 per la SPAL.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0