Rosetti segna, Anselmi conserva: per la Berretti arrivano altri tre punti pesanti in chiave playoff

Alla SPAL basta un gol di Paolo Rosetti dopo solo sei minuti dal fischio d’inizio per piegare il Gubbio, ultimo in classifica, al “Benito Villani” di Masi Torello. Un 1-0 che però fotografa tutte le difficoltà che i biancazzurri hanno incontrato nel corso dei novanta minuti, con un secondo tempo in cui le occasioni sono state quasi tutte di marca umbra e in cui Anselmi ha dovuto superarsi per respingere un rigore a Pucci. Un passo indietro dal punto di vista della prestazione dunque, ma tre punti molto pesanti per la classifica in ottica play-off.

Al fischio d’inizio mister Varricchio presenta alcune novità nell’undici titolare, anche per far fronte alla lunga lista di giocatori indisponibili, composta dallo squalificato Merighi e dagli infortunati ormai di lungo corso Concas, Rolfini e Bulevardi, ai quali in mattinata si è aggiunto il febbricitante Milan. In porta c’è la prima presenza in campionato per Anselmi, sul lato destro della difesa Ambrosini vince il ballottaggio con Nava, mentre davanti c’è l’esordio dal primo minuto per l’ex Comacchio Demetrio Belfiore, preferito a Raspadori; solo panchina, invece, per il neo arrivato Aslaoui, prelevato recentemente dal Novara. Gli spallini approcciano molto bene alla partita, pressando alto e mettendo grande intensità in campo e già al 6′ vanno in vantaggio, con Rosetti che fulmina in diagonale Bellucci, dopo la bella azione al limite dell’area di Scarpi. La SPAL continua a premere, pur non creando grandi occasioni da gol, ad eccezione di quella che nasce da uno svarione della difesa rossoblù sulla quale Belfiore non è bravo a trovare lo specchio della porta. Il Gubbio fatica a manovrare, ma nella seconda metà del primo tempo si appoggia molto sui calci di punizione per rendersi pericoloso, prima con un tiro di Badiali al 31′ che termina alto e poi con la conclusione potente, ma centrale, di Pucci che Anselmi deve alzare in angolo.

La ripresa inizia con un Gubbio un po’ più aggressivo, pur sempre con diversi limiti quando si tratta di giocare il pallone, ma la SPAL, forse sazia del vantaggio trovato, va comunque in difficoltà, non riuscendo quasi mai a ripartire. Gli eugubini vengono anche baciati dalla fortuna al 55′ quando il signor Dosi fischia un fallo di mano molto dubbio in area a Laquaglia; dal dischetto si presenta Pucci, che calcia anche abbastanza angolato, ma la scena se la prende Anselmi che si tuffa alla sua sinistra e blocca il pallone. La partita diventa molto spigolosa e, dopo un primo tempo senza ammonizioni, i cartellini gialli fioccano anche al minimo contatto. Al 64′ Aquila di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo spedisce la palla poco a lato rispetto all’incrocio dei pali opposto. Non passa nemmeno un minuto che Anselmi, dopo una respinta difettosa sul tiro dalla distanza di Barbacci, si supera sulla ribattuta da due passi di Pucci. Mister Varricchio prova a correre ai ripari e inserisce De Martino nel cuore del centrocampo, passando al 4-5-1. Il livello tecnico della partita resta sempre abbastanza deficitario, ma i biancazzurri dal punto di vista difensivo non concedono praticamente più nulla, anzi sfiorano il raddoppio all’ultimo minuto con Baldon, ma Bellucci riesce ad arrivare sul diagonale della punta spallina.

Anche mister Varricchio, nelle sue dichiarazioni a fine partita, sottolinea come quella di oggi non sia stata una vittoria di certo facile: “Abbiamo fatto benissimo nella prima mezzora, dominando l’avversario; dopo siamo calati di intensità in mezzo al campo, dove uscivamo male e in ritardo. Sicuramente ci può stare, visto che Curci è un adattato in quel ruolo, quindi qualche lettura la può sbagliare, mentre Atzori magari non era in una grande giornata e tutti questi errori in disimpegno dei centrocampisti facevano si che non riuscissimo a fare gioco e prendere campo. Abbiamo sofferto molto, rischiando veramente grosso, col rigore e con qualche altra situazione dove è stato bravissimo Anselmi, che oggi giocava la sua prima partita da titolare e mi fa un piacere enorme perché si allena sempre a mille ed è stato ripagato dei suoi sacrifici facendo una prestazione super”.

S.P.A.L.-GUBBIO 1–0 (1-0)

S.P.A.L. (442): Anselmi; Ambrosini, Laquaglia, Sorrentino, Farina; Berto (dal 26′ s.t. Baldon), Curci, Atzori, Scarpi (dal 40′ s.t. Mantovani); Rosetti (dal 22′ s.t. De Martino), Belfiore. A disp. Corato, Nava, Raspadori, Aslaoui. All.: M. Varricchio.

GUBBIO (433): Bellucci; Candolfi, Stranieri, Cerafischi, Ceccarelli; Remedi, Barbacci (dal 37′ s.t. Abbate), Badiali; Aquila, Palazzoni, Pucci (dal 27′ s.t. Allegrucci). A disp. Cantamessi, Arcangeli, Di Pietromonica, Lamantia, Ferrari. All. S. Belardinelli.

ARBITRO: Sig. Dosi di Imola (Assistenti Sig.ri Pulcini e Aguiari di Ferrara)
MARCATORI: 6′ p.t. Rosetti (S).
AMMONITI: Ceccarelli (G), Laquaglia (S), Ambrosini (S), Curci (S), Berto (S), Candolfi (G), Baldon (S).
NOTE: pomeriggio soleggiato, terreno in discrete condizioni. Spettatori 100 circa. Angoli: 3 a 2 per il Gubbio. Recupero: pt 1’ st 5’.

LINK: La situazione nel girone B del campionato Berretti

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0