Martelossi dribba le polemiche, Pulidori no: Forse lamentarsi degli arbitri paga

Alberto Martelossi la spiega così: buona prestazione tecnica, meno buona sul piano mentale. Più nel dettaglio “Abbiamo giocato un terzo quarto davvero importante, con energia e idee chiare difensive. Poi loro sono stati bravi a trovare qualche canestro di talento, e da lì hanno ripreso l’inerzia e hanno saputo cavalcare il momento. Nel finale ci siamo un po’ troppo chiamati addosso la loro difesa. Mi sarei aspettato un po’ più di tranquillità nel gestire gli ultimi possessi Certo poi qualche fischio ci ha penalizzati”. Dopo una settimana di polemica, qualche condizionamento c’è stato? “Loro sono fisici, e lo sapevamo, ma credo che non abbiamo subito troppo quando abbiamo avuto l’atteggiamento di fare la partita. Certo, si è creato un certo tipo di situazione. Per lo stesso principio oggi dovrei essere io a lamentarmi in vista delle prossime partite; ma se facciamo così tutti, poi si entra in un tunnel pericoloso”.

Ancora più esplicita la lettura che dà il ds Andrea Pulidori:“Lamentarsi paga? Analizzando la partita, dovrei dire di sì. Abbiamo visto una partita combattuta, nella quale entrambe le squadre non si sono risparmiate sotto il profilo fisico; ci sono stati tanti contatti. In un match punto a punto venti tiri liberi di differenza proprio non li comprendo. A questa osservazione oggettiva aggiungerei che negli ultimi cinque minuti ogni palla dubbia – e per la verità anche quelle non dubbie – andava a loro”. Il giudizio finale è diretto: “Se, come pare, funziona questa logica, cosa dovrei aspettarmi, se non di essere avvantaggiato nella mia prossima partita in casa?! Credo che oggi gli arbitri fossero oggettivamente condizionati. Noi non eravamo abbastanza preparati a questa situazione: stupidamente abbiamo creduto di dover affrontare solo Recanati”.

contenuto a cura dell’Ufficio Stampa della Pallacanestro Ferrara

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0