Semplici avverte i suoi: Con il Prato massima attenzione e tanta pazienza. Intanto Silvestri va KO

Che la sfida con il Prato fosse un crocevia fondamentale verso la corsa alla salvezza anticipata lo si sapeva eccome. Ma la volontà della società e dello staff tecnico biancazzurro di svolgere la seduta odierna tra le mura del “Mazza” non può che essere un altro segnale chiaro ed evidente che tutto l’ambiente tenga particolarmente all’appuntamento con i toscani, preparando questa delicata sfida nei minimi dettagli. Prendere già confidenza con il terreno di gioco, con gli spazi e le misure dello stadio ferrarese favorirà i ragazzi di mister Semplici? Questo lo dirà solo il campo domenica dalle ore 18 in poi. Intanto, ai margini della seduta odierna, abbiamo fatto due chiacchiere con il tecnico biancazzurro nella consueta conferenza stampa di presentazione alla partita.

Mister, quanta fiducia ha preso la SPAL dal punto ottenuto domenica scorsa a Teramo?
“Devo dire che la scorsa settimana abbiamo giocato due partite di tutto rispetto prima a Como, poi a Teramo. In quest’ultima, specialmente, ho visto la giusta personalità nei miei ragazzi, la giusta voglia di combattere pallone su pallone, il giusto spirito. Mi auguro che l’iniezione di fiducia che abbiamo preso possa tramutarsi in grinta emotiva da mettere sul campo contro il Prato perché dobbiamo prenderci i tre punti”.

Che tipo di partita si aspetta?
“Sono convinto che per portare a casa i tre punti la SPAL dovrà fare una grandissima gara d’attenzione, intensità e pazienza. Giocheremo probabilmente contro una squadra che ci aspetterà, che farà grande densità sotto la linea della palla, per cui servirà avere pazienza, fare bene la fase di palleggio al fine di cercare il pertugio giusto. Credo, inoltre, che sarà molto importante sfruttare le palle inattive. Non ci dovrà assolutamente mancare la cattiveria sportiva”.

Ci racconti qualcosa in più sul Prato.
“Nonostante abbiano perso l’ultima partita vengono da una serie di risultati positivi. Sono una squadra quadrata, che si copre molto e riparte molto bene. Ripeto, occorrerà prestare molta attenzione perché sarà una partita difficile. Ci daranno filo da torcere, perché, un po’ come noi, si esprimono meglio fuori casa”.

Situazione indisponibili in casa SPAL?
“Filippini è out e oggi Silvestri si è fermato, vediamo se recupererà, è in dubbio. (Il difensore ha una borsite sotto l’alluce n.d.r.)

La scelta di effettuare l’allenamento odierno al Mazza è stata fatta per abituare i giocatori al contesto dello stadio in vista di domenica?
“Sì, a me piacciono questo tipo di cose. Avrei voluto farlo anche altre volte ma causa maltempo non c’è mai stata la possibilità. Mi piace provare le distanze, le misure e tutte quelle cose che alla domenica fanno poi la differenza”.

Capitolo formazione. Togni potrebbe tornare titolare ed eventualmente come mezz’ala e non davanti alla difesa?
“E’ una possibilità. Sicuramente il giocatore è pienamente recuperato anche a livello fisico visto che a Como ha messo benzina nelle gambe, a Teramo è entrato bene e questa settimana si è allenato intensamente. Sono contento di averlo a disposizione, vedremo se farlo giocare dall’inizio o a partita in corso e in che posizione visto che può fare tutti i ruoli del centrocampo”.

In attacco ha già in mente quella che dovrà essere la coppia gol?
“Fortunatamente ho problemi di abbondanza. Abbiamo fatto diverse prove, poiché è importante che tutti conoscano al meglio le caratteristiche dei compagni di squadra. Vedremo domani dopo l’ultimo allenamento”.

Si aspetta uno stadio particolarmente carico?
“Mi fa molto piacere che per domenica si stia organizzando qualcosa che possa dare anche un bel colpo d’occhio. E’ fondamentale per noi giocare in un contesto positivo, con tanta gente che ci sostenga e che dia una mano a questi ragazzi. I tifosi, continuo a ribadirlo, per noi sono fondamentali. Anzi, ci tengo a ringraziarli perché ci sono sempre stati vicino. Dobbiamo essere tutti compatti, in campo e fuori”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0