Fioccano gol tra SPAL ed Hellas, bella prova degli Allievi ma i tre punti vanno verso Verona

Non basta la buona volontà agli Allievi della SPAL per avere la meglio su un compatto Hellas Verona. Gli scaligeri, arrivati in terra estense carichi e supportati anche dai genitori in versione ultras con cori e striscioni, hanno approfittato di diverse disattenzioni dei ferraresi, oggi non apparsi impeccabili soprattutto nella fase difensiva. Davanti invece, al netto dei soliti problemi di organico che hanno caratterizzato ormai tutta la stagione, si è provato a fare con quello che si aveva, sfruttando anche diverse occasioni da rete degne di nota.

Come al solito la SPAL parte forte, pressa a tutto campo facendo ben sperare. Al 4′ infatti Miotto lancia Maghini che da posizione angolata spara di poco alto sopra la traversa. Passano soltanto due minuti e gli applausi dei presenti sono solo per i biancazzurri: una triangolazione di prima tra Dalla Vedova, Tomasi e Braghiroli porta quest’ultimo alla conclusione, senza raccogliere però i risultati sperati. Superato il decimo minuto Dalla Vedova si incarica della battuta di una punizione di poco fuori area. La medesima situazione si ripeterà altre due volte nel primo tempo con lo stesso risultato: gran botta di destro e palla di poco alta sopra lo specchio della porta. Al quarto d’ora i veronesi cominciano ad affacciarsi dalle parti di Corato, ma l’imprecisione nell’ultimo passaggio regna sovrana, consentendo a Dalla Vedova e compagni di passare minuti tranquilli. Come spesso accade però, quando ci si adagia si rischia di venir puniti: da un innocuo fallo laterale sula tre quarti Forgia tocca al centro per Aloisi che a sua volta approfitta di un clamoroso buco della difesa locale per battere un incolpevole Corato. La reazione dei biancazzurri non si fa attendere, ma tutti i tentativi vengono vanificati o dai veronesi o dall’imprecisione degli spallini stessi. Come al 25′ quando Boreggio non approfitta di uno dei tanti rinvii sbagliati di Carletti e da posizione invidiabile tenta un dribbling di troppo perdendo di fatto la sfera. A cinque minuti dal termine però, la SPAL segna con un’azione da manuale del calcio: Lucchini dopo aver fatto fuori un avversario scatta sulla fascia e serve al centro l’accorrente Tomasi che da due passi non sbaglia portando così il risultato in parità. Il pareggio, per la verità, dura soltanto sette minuti: al 41′ un’altra dormita del rimaneggiato reparto arretrato consente a De Anna di servire Gecchele che sulla linea della porta firma il momentaneo vantaggio ospite.

Il secondo tempo si apre con una bella azione degli spallini con Maghini che davanti a Carletti si allunga troppo la palla consentendo un rapido contropiede ai gialloblù: Aloisi scatta sul filo del fuorigioco ma si fa ipnotizzare da Corato gettando all’aria una buona azione di marca veronese. La SPAL prova in tutti i modi ad agguantare il pareggio, anche grazie al dinamismo dei neo entrati Greggio e Karapici. Putroppo per gli estensi ad esultare ancora sono i veronesi ed i loro genitori: al 56′ Anostini con un retropassaggio discutibile chiama in causa Corato. Il pasticcio è servito, Aloisi si avventa come un falco sulla palla e segna il tre a uno per gli ospiti. Cinque minuti più tardi la SPAL accorcia le distanze con Greggio che si guadagna gli applausi del pubblico battendo Carletti con un gran tiro da fuori area. I ferraresi, sotto di una rete, provano a spingere sull’acceleratore ma due minuti più tardi devono piegare la testa ancora una volta: da un calcio di punizione la palla non viene allontanata dall’area, dalle retrovie arriva Franchetto che a botta sicura firma il quattro a due. Gli spallini non ci stanno ma l’imprecisione sotto porta punisce Karapici rendendo vani i suoi tentativi. Allora spazio ancora agli scaligeri e al 74′ il neo entrato Martins in tap-in getta acqua sulle speranze degli spallini ed aggiunge la sua firma al tabellino di giornata. Ad un minuto dal termine Greggio si guadagna un calcio di rigore che Karapici trasforma in un gol che, se non servirà a nulla, se non altro renderà il passivo meno pesante.

SPAL – HELLAS VERONA 3-5 (1-2)
SPAL: Corato, Anostini, Lucchini, Miotto, Yevstyunin, Sarto, Boreggio (dal 40′ Greggio), Dalla Vedova, Tomasi (dal 45′ Bianchi), Maghini (dal 73′ Nyezhensev), Braghiroli (dal 40′ Karapici). A disp.: Balboni, Scarparo, Boccafoglia, Panucci. All.: Perinelli.
HELLAS VERONA: Carletti, Cinti, Polato, Gardini (dal 75′ Gaburro), Cottini, Franchetto, Gecchele, Forgia, Aloisi (dal 75′ Menegazzi), Prandini, De Anna (dal 69′ Martins). A disp.: Bertasini, Guerrini, Dentale, Cherubin. All.: Pellegrini.

ARBITRO: Conti di Ferrara (Assistenti: Regattieri e Filippini)
MARCATORI: 19′ Gardini (V), 34′ Tomasi (S), 41′ Gecchele (V), 56′ Aloisi (V), 61′ Greggio (S), 63′ Franchetto (V), 74′ Marins (V), 79′ Karapici (S).
AMMONITI: Greggio (S), Aloisi (V).

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0