Bicchiere comunque mezzo pieno per Bulgarelli: Non ci sentiamo inferiori a Trieste

Nonostante la sconfitta casalinga il presidente Fabio Bulgarelli mostra un certo ottimismo, evidenziando i punti di forza della sua Mobyt e predicando fiducia per Gara 3.

Presidente, perdere contro una squadra di A2 Gold ci sta, ma probabilmente la Mobyt stasera esce dal campo con qualche recriminazione sul proprio gioco.
“Loro hanno fatto la partita della vita, anche perché una sconfitta li avrebbe messi fuori dai giochi. Noi abbiamo forse un po’ sentito la tensione e sicuramente non abbiamo fatto una delle nostre migliori partite in assoluto. È stata una gara complicata, ma secondo me non dobbiamo sentirci inferiori a questa squadra, perché sono convinto che se fosse entrata la tripla del -2 di Ferri, loro avrebbero avuto paura. Stasera non è andato tutto per il meglio: abbiamo sbagliato troppi tiri liberi, non siamo stati lucidi da tre e anche in qualche occasione difensiva, ma comunque siamo rimasti attaccati alla partita e ce la siamo giocata. Però nulla è compromesso e noi possiamo andare a Trieste con la voglia e la speranza di portarla a casa”.

I presupposti di questa Gara 2 erano ottimi: vittoria in trasferta e palazzo gremito quest’oggi.  È mancata solo la ciliegina sulla torta, contando anche il fattore dell’assenza di Benfatto.
“Sì, Benfatto era ai box, ma comunque Pipitone ha fatto una buonissima gara. Se pensiamo a come siamo partiti, però, affrontare questo tipo di gare alla pari, a mio giudizio è davvero positivo. Io chiedo a tutti di non partire sconfitti giovedì. Ce la possiamo giocare. Trieste oggi si vedeva, era venuta qua per vincere. Avete visto come tutti i giocatori ci tengano a far bene anche in questi playoff. Loro sono sicuro che ci temano, ma noi dobbiamo andare la sereni. Personalmente sono molto contento della prestazione dei ragazzi, ma è chiaro che non siamo abituati a questo tipo di palcoscenici. Io comunque sono contento”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0