Società pronta a ripartire con un nuovo presidente? Bulgarelli accelera la cessione

Entro una settimana, dieci giorni al massimo, la Pallacanestro Ferrara potrebbe avere un volto nuovo. Dopo mesi di trattative, incontri e intrecci, la proposta giusta è finalmente arrivata: Riccardo Maiarelli si è offerto di rilevare interamente la società e l’attuale presidente Fabio Bulgarelli ha detto di sì. L’accordo tra i due imprenditori c’è, ora andrà messo nero su bianco. Poi potrà iniziare un nuovo corso per il sodalizio biancazzurro.

“Lascio come meglio non potrei, – dice Bulgarelli confermando l’accordo – perché in quattro anni ho riportato la Pallacanestro Ferrara dove si trovava al momento dell’addio di Mascellani, in LegaDue. Dal punto di vista personale ho raggiunto i miei obiettivi, facendo fronte ad aspettative talvolta altissime. Arrivato qui, con molta onesta, dico: con le mie capacità economiche e di imprenditore non posso andare più in alto di così. Per questo sono felice di lasciare il controllo della società a un imprenditore con potenzialità maggiori e che può senz’altro garantire un ulteriore salto di qualità alla Pallacanestro Ferrara”.

La trattativa di fatto non è durata molto: perché se da un lato la figura di Maiarelli gravita attorno alla Pallacanestro Ferrara da ormai un anno, dall’altro il suo proposito originario era quello di convogliare altri imprenditori attorno alla società, creando così una sorta di cordata o un gruppo di sponsor forti. Evidentemente Bulgarelli ha saputo lavorare bene ai fianchi dell’attuale presidente di UniIndustria Ferrara, convincendolo della bontà dell’investimento. Una volta messe le firme sui contratti si aprirà necessariamente una fase di transizione, che probabilmente vedrà lo stesso Bulgarelli rimanere all’interno della società con la carica di consigliere, oltre che di sponsor.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0