Arrivederci ragazzi e grazie ancora di tutto: abbraccio squadra-tifosi a fine allenamento

Quando un paio di giorni fa è stato comunicato che lunedì pomeriggio, a seguito dell’allenamento, ci sarebbe stato il congedo della squadra, mi sono chiesto cosa questo volesse significare. In tanti anni di pallacanestro tra campo e spalti, infatti, non avevo mai sentito una cosa di quel genere. Incuriosito, quindi, sono andato al Pala Hilton Pharma per vedere effettivamente di cosa si trattasse.

Giunto sul posto la sessione pomeridiana di allenamento non era ancora finita, ma all’esterno del palazzetto c’era già un bel numero di tifosi che mi hanno riferito essere già sul posto per aver voluto salutare Ferri, uscito prima per un impegno. Peccato, mi sono detto, il capitano mi è sfuggito! Finito l’allenamento il numero dei tifosi giunti a salutare i ragazzi si era duplicato e dopo il fischio di chiusura di un Casadei in versione arbitro, la festa è potuta cominciare.

Il roster al completo (tranne Huff, già ritornato in patria) è uscito dal palazzetto e i supporters hanno potuto godere per una buona mezz’oretta della loro compagnia. C’erano proprio tutti, Hasbrouck assediato per una foto, Amici e fidanzata (con cagnolone simpaticissimo al seguito) a parlare con i ragazzi della Curva, coach Martelossi a ricevere i complimenti di tifosi e giornalisti. Tra un cinque a uno e un complimento all’altro, ho notato con piacere che alla festa è arrivato anche Benfatto, così mi sono avvicinato per scambiare due parole. Il totem biancazzurro è reduce da un’operazione all’inguine che mi ha riferito essere andata bene e di aver già cominciato la riabilitazione. Grande Benfa! Davvero in bocca al lupo! I ragazzi però, non avevano ancora fatto la doccia e si stava alzando un po’ di venticello, quindi dopo aver fatto un ultima foto insieme a tutti i presenti e aver scambiato un ultimo saluto, si sono congedati per davvero e sono tornati nello spogliatoio.

Posso dirvi una cosa? Non essendoci mai stato, mi sono stupito per il clima di festa che si è creato. È stato davvero un bell’inizio di serata. Un momento in cui i tifosi possono realmente vedere con i propri occhi che questi personaggi visti ogni domenica in campo, amati ma altre volte criticati, sono solamente dei ragazzi come tutti gli altri e bisognerebbe sempre tenerlo presente. GRAZIE RAGAZZI!

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0