Ritiro, si decide entro qualche giorno. Staff tecnico rivoluzionato con due volti nuovi

Mentre la rosa della SPAL per la stagione 2015-2016 è ancora ben lontana dall’essere definita, in via Copparo è stata completata la ridefinizione dello staff tecnico. Il prossimo 13 luglio, giorno del raduno a Ferrara, Leonardo Semplici ovviamente ritroverà il suo fedele vice-allenatore Andrea Consumi e l’allenatore dei portieri Cristiano Scalabrelli, ma con loro non ci sarà più il preparatore Matteo Levi Micheli. Al suo posto arriverà Iuri Fabrizi, altro uomo di fiducia di Semplici che ha collaborato con lui fin dai tempi del San Gimignano in Eccellenza. Altro volto nuovo – ma non troppo – nello staff tecnico sarà quello di Rossano Casoni. Classe 1969, Casoni ha alle spalle una lunga carriera da centrocampista tra serie C e D e negli ultimi anni ha allenato diverse selezioni giovanili di Giacomense e SPAL. Nell’ultima stagione ha guidato i Giovanissimi Nazionali. Avrà il compito di aiutare mister Semplici e il resto del gruppo sia nel lavoro sul campo, sia nell’analisi pre e post-partita.

Quanto al ritiro, non ci sono ancora certezze: la trattativa con Predazzo va per le lunghe e giunti a questo punto non sorprenderebbe vedere la SPAL optare per un piano B. Nel caso si tratterebbe di Tarvisio, in Friuli Venezia-Giulia. Molto probabilmente una scelta verrà operata entro la settimana. Se il ritiro dovesse svolgersi a Predazzo la SPAL rimarrebbe in Trentino dal 20 al 30 di luglio, mentre nel caso di Tarvisio ci potrebbe essere qualche giorno di anticipo. Una volta definito questo dettaglio cruciale inizierà la ricerca delle squadre per le amichevoli di preparazione: il debutto in Coppa Italia è previsto per il 2 agosto, per cui è probabile che la SPAL disputi almeno tre partite per arrivare pronta al primo impegno ufficiale.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0