Parte il conto alla rovescia per il ritiro friulano: tutto quello che c’è da sapere (o quasi)

Manca sempre meno all’inizio ufficiale della nuova stagione sportiva per la SPAL. Le prime due date sono ormai note a tutti i tifosi: lunedì 13 luglio i biancazzurri si ritroveranno al Centro d’Addestramento di via Copparo per svolgere i test atletici, mentre il giorno dopo la carovana spallina partirà alla volta del ritiro friulano di Camporosso in Val Canale, frazione del comune di Tarvisio.

La località scelta dalla società estense è sicuramente più lontana e meno facilmente raggiungibile per i tifosi biancazzurri rispetto a Sant’Agata Feltria, sede dell’ultimo ritiro spallino. Ma la cornice che la Val Canale offrirà ai sostenitori al seguito sarà davvero suggestiva. Siamo infatti a pochi chilometri da una possibile gita in Austria e Slovenia, tanto che l’etimologia del nome di Camporosso ha una storia particolare vista l’influenza della vicina lingua slovena. Camporosso per gli sloveni è “Žabnice” che, letteralmente tradotto significa, “località delle rane”. Il nome originale in italiano era quindi Camporane, poiché rifletteva questo significato e solo successivamente venne cambiato in Camporosso. La piccola località (meno di ottocento gli abitanti) è situata 820 metri sopra il livello del mare: quest’altitudine creerà sicuramente condizioni favorevoli per gli atleti spallini nell’affrontare la tanto temuta preparazione fisica estiva. E’ il caso di ricordare che mister Semplici e i membri dello staff condurranno gli allenamenti presso il campo sportivo comunale “Maurizio Siega” situato a circa cinque chilometri dall’Hotel Spartiacque dove alloggeranno i biancazzurri.

Nei giorni scorsi abbiamo contattato gli amministratori del comune di Tarvisio e in particolare l’assessore al turismo Igino Cimenti e il vicesindaco Renzo Zanette, che ci hanno spiegato qualcosa in più sul territorio che ospiterà la SPAL: “E’ davvero grande l’apprezzamento da parte nostra nel poter ospitare una squadra rinomata e storica come la SPAL”, ha commentato il vicesindaco di Tarvisio. “Speriamo che il ritiro qui da noi porti anche un po’ di fortuna alla squadra a cui auguro di tornare prima possibile in una serie maggiore rispetto alla Lega Pro. Siamo molto contenti di far conoscere le nostre località alla gente che accorrerà da Ferrara. La nostra località metterà sicuramente a disposizione strutture e impianti all’avanguardia”. Dal canto suo, l’assessore Cimenti, ha dispensato qualche consiglio per i tifosi ferraresi interessati a visitare i luoghi limitrofi al ritiro della squadra: “Il nostro territorio offre diversi spunti sia naturalistici sia culinari. Chi accorrerà da Ferrara potrà gustare la nostra gastronomia, poi sicuramente posso consigliare una visita ai laghi di Fusine e al Monte Santo di Lussari”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0